Impronta ecologica, conosci il tuo impatto e come viene calcolato

impatto ambientale del cittadino, l'impronta ecologica

C'è stato un file indicatore di sostenibilità internazionale e ne avrai sicuramente sentito parlare. Questo indicatore è l'impronta ecologica.

Con le nuove sfide che si presentano, dobbiamo aumentare e completare tutte le possibili informazioni che il PIL (Prodotto Interno Lordo) può offrirci, un iIndicatore utilizzato a livello mondiale nel contesto economico.Ciò è necessario per poter progettare politiche equilibrate che possano riflettere l'impegno per l'ambiente e per il benessere sociale.

Questo indicatore biofisico di sostenibilità, e sto già parlando solo dell'impronta ecologica, è in grado di integrare il insieme di impatti che una comunità umana ha sul suo ambiente. Considerando come è logico, tutte le risorse necessarie nonché i rifiuti generati in detta comunità.

Qual è l'impronta ecologica?

L'impronta ecologica è quindi definita come

l'area ecologicamente produttiva totale necessaria per produrre le risorse consumate da un cittadino medio di una data comunità umana, nonché quella necessaria per assorbire i rifiuti che genera, indipendentemente dall'ubicazione di queste aree

Lo studio dell'impronta ecologica

Per poterlo stabilire come indicatore, dobbiamo prima sapere come calcolare tale impronta, per questo, aspetti quali:

Un flusso di materiali ed energia è sempre necessario per produrre qualsiasi bene o servizio (indipendentemente dalla tecnologia utilizzata). Questi materiali ed energia dai sistemi ecologici o dal flusso diretto di energia dal Sole nelle sue diverse manifestazioni.

Sono anche necessari, sistemi ecologici per assorbire i rifiuti generati durante il processo di produzione e l'utilizzo dei prodotti finali.

Le superfici del gli ecosistemi produttivi sono ridotti poiché lo spazio è occupato con case, attrezzature, infrastrutture ...

In questo modo possiamo vedere come questo indicatore integra molteplici impatti, anche se vanno presi in considerazione anche altri, come quelli che sottovalutano il reale impatto ambientale.

insieme di impatti per l'impronta ecologica

Impatto ambientale reale

Alcuni impatti non vengono presi in considerazione, soprattutto di natura qualitativa, come la contaminazione del suolo, dell'acqua e dell'atmosfera (eccetto CO2), erosione, perdita di biodiversità o degrado dal paesaggio.

Si presume che le pratiche nei settori agricolo, zootecnico e forestale siano sostenibili, ovvero la produttività del suolo non diminuisce nel tempo.

L'impatto associato all'uso dell'acqua non viene preso in considerazione, ad eccezione dell'occupazione diretta del terreno da parte di invasi e infrastrutture idrauliche e dell'energia connessa alla gestione del ciclo dell'acqua.

Come criterio generale si cerca di non conteggiare quegli aspetti per i quali sussistono dubbi sulla qualità del calcolo.

A questo proposito, c'è sempre anche la tendenza a scegliere l'opzione più prudente quando si tratta di ottenere risultati.

Biocapacità

Un elemento complementare all'impronta ecologica è la biocapacità di un territorio. È solo il file area biologicamente produttiva che è disponibile come colture, foreste, pascoli, il mare produttivo ...

Mi riferisco alla biocapacità come elemento complementare perché la differenza di questi indicatori ci dà come risultato il file deficit ecologico. Cioè, il deficit ecologico è uguale a domanda di risorse (impronta ecologica) inferiore risorse disponibili (biocapacità).

Da un punto di vista globale, è stato stimato a 1,8 ha di biocapacità del pianeta per ogni abitante, o che è lo stesso, se dovessimo distribuire la terra produttiva della terra in parti uguali, a ciascuno degli oltre sei miliardi di abitanti del pianeta, 1,8 ettari corrisponderebbero per soddisfare tutti i loro bisogni durante un anno.

Questo ci dà un'idea del grande consumo e della grande spesa che facciamo, e cioè, se continuiamo così, la Terra non sarà in grado di rifornire tutti.

Come dati curiosi, commentalo Gli USA hanno un'impronta di 9.6Ciò significa che se il mondo intero vivesse come gli Stati Uniti ci vorrebbero più di 9 pianeti e mezzo Terra.

L'impronta ecologica di La Spagna è 5.4 

Calcola l'impronta ecologica

Il calcolo di questo indicatore si basa sul stima dell'area produttiva necessaria per soddisfare i consumi associati al cibo, ai prodotti forestali, al consumo di energia e all'occupazione diretta del suolo.

Per conoscere queste superfici, vengono eseguiti due passaggi:

Contare il consumo delle diverse categorie in unità fisiche

Nel caso in cui non ci siano dati di consumo diretto, il consumo apparente per ogni prodotto viene stimato con la seguente espressione:

Consumo apparente = Produzione - Export + Import

Trasformare questi consumi in adeguate superfici biologiche produttive attraverso indici di produttività

Ciò equivale a calcolare l'area necessaria per soddisfare il consumo medio pro capite di un dato prodotto. Vengono utilizzati i valori di produttività.

Impronta ecologica = Consumo / Produttività

I valori di produttività che utilizzeremo possono essere riferiti su scala globale, oppure possono essere calcolati in modo specifico per un determinato territorio, considerando quindi la tecnologia applicata e le prestazioni del terreno.

Per il calcolo standard, il utilizzo di fattori di produttività globale (come è il caso che avete visto sopra) perché in questo modo è possibile fare il confronto dei valori ottenuti dall'impronta ecologica a scala locale e contribuisce alla normalizzazione totale dell'indicatore.

Consumo energetico

Per ottenere l'impronta ecologica per quanto riguarda il consumo energetico, si fa in modo diverso a seconda della fonte energetica da considerare.

Per combustibili fossili. Principale fonte di energia consumata, sebbene in diminuzione grazie alle energie rinnovabili, l'impronta ecologica misura l'area di assorbimento della CO2.

Questo è ottenuto dal consumo energetico totale, sia diretto che associato alla produzione e distribuzione dei beni e servizi consumati, diviso per la capacità di fissazione di CO2 dell'area forestale.

l'impronta umana supera la capacità della Terra

Calcolo rimanente

Una volta conteggiati i consumi e applicati gli indici di produttività, possiamo avere il diverse aree produttive considerate (colture, pascoli, foreste, mare o superfici artificiali).

Ogni categoria ha diverse produttività biologiche (ad esempio: un ettaro di colture è più produttivo di uno di mare), e prima di aggiungerli è necessario procedere a quella che viene definita normalizzazione.

Per fare questo, ogni superficie è ponderato mediante fattori di equivalenza che esprimono il rapporto tra la produttività biologica di ciascuna categoria di superficie rispetto alla produttività media della superficie del pianeta.

In questo senso, il fatto che il fattore di equivalenza delle foreste sia 1,37 significa che la produttività di un ettaro di foresta ha, in media, il 37% in più di produttività rispetto alla produttività media dell'intera area dello spazio produttivo globale.

Una volta applicati i fattori di equivalenza a ciascuna categoria di superficie calcolata, ora abbiamo l'impronta ecologica espressa in cosiddetti ettari globali (gha).

E con tutto questo se possiamo procedere ad aggiungerli tutti e ottenere così l'impronta ecologica totale.

Calcola la tua impronta ecologica

Ti sei mai chiesto quanta "natura" richiede il tuo stile di vita? Il questionario "L'impronta ecologica" calcola la quantità di superficie terrestre e oceanica necessaria mantenere i vostri modelli di consumo e assorbire i vostri rifiuti ogni anno.

Come modello comune, questi strumenti di solito affrontano le seguenti aree:

  • Energía: Uso dell'energia in casa. Calcoli globali per tipo di energia all'anno, nonché il costo coinvolto.
  • Acqua: Stima delle percentuali di consumo medio e delle conseguenze della generalizzazione del proprio stile di spesa idrica.
  • mezzi di trasporto: Quanti giri completi potresti fare sul pianeta sommando tutti gli spostamenti in un anno.
  • Rifiuti e materiali: Quantità di rifiuti generati in casa per persona e percentuali di materiali riciclabili.

Dopo aver risposto a 27 semplici domande In MyFootPrint potrai confrontare la tua impronta ecologica con quella di altre persone e scoprire come possiamo ridurre il nostro impatto sulla Terra.

Visita la pagina la mia impronta e rispondi alle domande.

risultato dell'impronta ecologica personalizzata

Se tutti vivessero e avessero lo stesso stile di vita di cui avremmo bisogno 1,18 Terre, Ci passo pochissimo anche se negli ultimi anni è diminuito da quando ho appreso per la prima volta il concetto di impronta ecologica l'ho fatto e ricordo che avevo 1,40, quindi siamo sulla strada giusta.

Neutralizza la nostra impronta ecologica

mappa dei dati dell'impronta ecologica

Impronta ecologica globale

a la composizione dell'impronta ecologica in Spagna il fattore più importante è l'impronta energetica, con una quota del 68%, ben al di sopra del 50% stabilito a livello mondiale.

Per questo motivo, è importante notare che la componente principale di questa impronta (l'impronta energetica) è la produzione di beni di consumo con il 47,5%, Questo Viene calcolato con il consumo energetico diretto e con l'energia contenuta nelle merci importate.

Dopo al secondo posto abbiamo il settore dei trasporti e della mobilità con il 23,4% e al terzo posto le abitazioni con l'11,2%.

Sulla base di questi dati, si stima che La Spagna ha un deficit ecologico di 4 ettari per persona, cioè 175 milioni di ettari a livello nazionale.

In breve, ogni anno la popolazione spagnola ha bisogno più di 2,5 volte il suo territorio per poter sostenere il tenore di vita e la popolazione. Pertanto, abbiamo un deficit ecologico che è al di sopra della media dell'UE e questo dimostra che la Spagna ha spazio solo per fornire cibo e prodotti forestali alla popolazione attuale.

Ma la cosa importante qui è quella una volta ottenuto il risultato dell'impronta ecologica, dobbiamo ridurlo.

Ridurre l'impronta globale oa livello personale non è altro che applicare buone abitudini sostenibili come l'uso razionale dell'acqua, l'uso dei mezzi pubblici o altro mezzo che non inquina, il riciclaggio, l'uso di lampadine a basso consumo, l'isolamento di finestre e porte, l'uso di elettrodomestici efficienti e un lungo ecc.

Queste semplici usanze (che all'inizio costano un po 'ma alla fine diventano parte della nostra vita) può avere un impatto sul risparmio energetico domestico circa il 9% per famiglia.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.