Il cambiamento climatico, la grande sfida per l'umanità

Cambiamento climatico

Dall'inizio delle civiltà, le fluttuazioni della temperatura naturale si sono avvicinate a più o meno un grado per millennio, tuttavia le temperature annunciate si basano su cambiamenti che vanno da 15 a 60 volte più veloci. Stiamo affrontando la sfida di cambiamento climatico.

Le risoluzioni da prendere per evitare Cambio clima i vecchi sono sempre più impossibili da mantenere nei paesi industrializzati. In effetti, il panel intergovernativo stima che le emissioni dovrebbero essere ridotte del 60% da qui al 2050 per mantenere il riscaldamento globale. Planeta a un livello accettabile, che sembra un cliché vista l'inerzia delle nostre società. Uno studio scientifico dell'Agenzia Internazionale dell'Energia rivela che le emissioni di CO2 nell'atmosfera aumenteranno di almeno il 60% da qui al 2020, anche se gli impegni delle conferenze di Kyoto e Parigi saranno applicati in modo efficace.

Per limitare il futuro Cambio climaMentre ai paesi poveri sarà consentito di svilupparsi, il consumo pro capite dei paesi ricchi dovrà essere diviso per 2 e quello dei paesi poveri dovrà essere raddoppiato.

Tutti devono adattarsi al evoluzione del clima. In fondo non c'è altra scelta. Il sistema esprime un'inerzia enorme e, indipendentemente da ciò che viene fatto oggi, dobbiamo adattarci al cambiamento climatico, che è un fenomeno inscritto nel tempo.

È necessario che l'opinione sia sicura di una cosa, il gli scienziati sono chiari. Non ci sono grandi incertezze riguardo al film che abbiamo di fronte. E le politiche non possono nascondersi dietro presunte variabili sconosciute per non agire. Ciò significa che gli scienziati sono abbastanza fiduciosi che ora è il momento per i politici di agire.

Alla fine, paesi in via di industrializzato, responsabili di questo fenomeno più grande e planetario che compromette la stabilità dell'umanità, hanno difficoltà a mettere in pratica i mezzi per ridurre e adattarsi alla misura delle conseguenze ineludibili che sono già visibili.

Attualmente non è l'informazione che manca, quello che manca è il coraggio di capire quello che sappiamo e trarne le conclusioni pertinenti. A questo livello, il responsabilità di tutti i cittadini è compromesso, e ciascuno deve essere indicato personalmente al proprio livello.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Noel Zamudia suddetto

    Un lavoro eccellente e i tuoi post interessanti meritano sempre di essere letti