Benefici e controindicazioni dell'acquacoltura -I-

acquacoltura

Di fronte all'impoverimento del biodiversità marino, perché non ricorrere all'acquacoltura? La maggior parte del salmone commercializzato in Germania proviene dal acquacoltura. Tuttavia, questa pratica presenta gravi inconvenienti, gli allevatori ricorrono spesso ai farmaci e le acque vengono inquinate dai rifiuti organici. Nonostante tutto, alcuni esperti sono convinti che gli allevamenti di acquacoltura non sarebbero solo un mezzo per proteggere gli oceani, ma anche un modo per nutrire la popolazione. población Mundial in costante aumento.

Una fonte di proteine

Qui alla alimentación umano, il pesce è la principale fonte di proteine ​​al mondo, prima di pollame e maiale. Infatti oggi consente al 17% degli esseri umani di coprire l'essenziale del proprio fabbisogno proteico. In 10 o 15 anni, la domanda si sarà moltiplicata per 2. Senza l'acquacoltura, è impossibile rispondere al esigenze proteina di una popolazione in crescita. L'acquacoltura è infatti molto più vantaggiosa dell'allevamento di suini o bovini, perché i pesci e altri organismi marini si nutrono meno dei pesci. animales terreno.

Per produrre un chilo di Manzo per esempio, ci vuole 15 volte più cibo che per produrre un chilo di carpa. Il pesce consuma effettivamente meno energia del pesce. animales terreno, E questo per due motivi. Da un lato sono animali a sangue freddo, la loro temperatura interna si adatta molto bene a quella dell'ambiente in cui vivono. E d'altra parte, muoversi in un ambiente acquatico richiede poco sforzo.

Un pesce su due proviene dall'acquacoltura

Secondo l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura, la metà dei pesci che arrivano nei nostri piatti oggi non sono pesci selvatici. Tuttavia, l'importanza di acquacoltura differisce da paese a paese. Nell'Europa centrale, come in Germania, i pesci selvatici sono i più ricercati. Tuttavia, in Cina, l'acquacoltura è una tradizione millenaria che risale ai primi addomesticamenti dei pesci. carpa. Fino ad oggi, la Cina è senza dubbio il primo paese all'interno di questa filiale, fornendo quasi i due terzi della produzione ittica mondiale totale di acquacoltura.

Una pratica sempre più criticata dagli ambientalisti

Come il acutocultura man mano che si sviluppa, solleva sempre più critiche da parte degli ambientalisti, perché ha aggravato il problema della pesca eccessiva invece di risolverlo. In effetti, la maggior parte delle specie di incubatoio sono carnivore e si nutrono di altre specie che vengono pescate medio naturale. L'allevamento del tonno in acquacoltura è il più catastrofico, perché a differenza del salmone, questa specie non può riprodursi in cattività. Gli agricoltori quindi catturano i giovani tonni selvatici e li nutrono Pesce costoso catturato in mare. Chiusi in gabbie, i tonni non hanno alcuna possibilità di riprodursi.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.