5 anni senza un nuovo MW eolico in Catalogna

Parco eolicoL'arresto del vento dura più a lungo quattro anni in Catalogna. Da quando il parco eolico Serra de Vilobí II è stato inaugurato nel gennaio 2013, nella regione di Les Garrigues, non è stata messa in funzione alcuna nuova potenza eolica da megawatt.

Inoltre, il progetto eolico più avanzato per sfruttare l'energia eolica è quello che promuove Gas Naturale Fenosa in Terra Alta, che è attesa da tempo. Il progetto è stato premiato dalla Generalitat nell'ottobre 2010; quindi, quasi sette annie il progetto non è ancora stato reso pubblico.

Purtroppo, se il ritmo della creazione di energia pulita in Catalogna viene mantenuto in questi termini, sarà difficile raggiungere gli obiettivi fissati Accordo nazionale per la transizione energetica della Catalogna. Questo Accordo Nazionale stabilisce che nel 2050 il 100% dell'energia finale in Catalogna sarà di origine rinnovabile e che nel 2030 il 50% dell'elettricità proverrà da fonti pulite.

Di fronte a prospettive poco lusinghiere (a causa del divario tra realtà e quanto pianificato), le organizzazioni imprenditoriali legate alle energie rinnovabili in Catalogna (APPA, EolicCat, Pimec, Unef ...) hanno lanciato i loro allarmi. Tutti lo avvertono in questo modo non sarà possibile raggiungere gli obiettivi concordati. Per tutti questi motivi, hanno fatto conoscere all'Amministrazione catalana ea tutte le forze politiche la necessità di approvare un piano concreto per accelerare l'implementazione delle energie rinnovabili.

Obiettivi complicati o impossibili?

La situazione attuale in Catalogna è caratterizzata da una dipendenza delle fonti dall'energia nucleare nel regime di generazione di elettricità (più del 54% proviene da centrali atomiche, rispetto al 18% da fonti rinnovabili, secondo i dati del 2015), insieme alla quale si unisce una crescita richiesto dello 0,7% all'anno.

La situazione può essere cambiata?

Se si vogliono raggiungere gli obiettivi del 2030 (obiettivo del 50% di elettricità da fonti rinnovabili), a partire dal 2019 dovrebbero essere messi in servizio annualmente 300 MW di nuova generazione eolica e altri 300 MW di nuova generazione. generazione fotovoltaica. In totale 3.600 MW eolici e gli altri 3.700 fotovoltaici.

Fotovoltaico

In questo modo le rinnovabili raggiungerebbero il 50% della domanda (il resto verrebbe da gas naturale bruciato in impianti a ciclo combinato, impianti di cogenerazione nell'industria e un unico reattore nucleare ancora in servizio).

Fiamme di gas naturale

Nuovo regolamento

Secondo il manager di EolicCat: per raggiungere questi obiettivi nelle rinnovabili sarà necessario introdurre modifiche alle normative modificare la mappa dei venti della Catalogna (dove vengono stabiliti i punti del territorio in cui questa risorsa può essere utilizzata), in modo che le aree ora incompatibili con la realizzazione di parchi eolici, siano rivalutate per ospitare questa fonte pulita, se possibile.

Parco eolico delle Isole Canarie

Le associazioni imprenditoriali aggiungono che l'attuale sistema dovrebbe essere cambiato per promuovere nuovi parchi eolici, al fine di favorire l'esistenza di impianti di oltre 10 MW. Inoltre, si richiede di cambiare la procedura, poiché ora è possibile promuoverli solo attraverso aste dove l'Amministrazione li premia al miglior offerente, oltre ad aprire la possibilità di essere realizzato con una "promozione gratuita".

Energia eolica

Nessun premio

L'arresto dell'energia eolica in Catalogna è avvenuto perché i nuovi progetti hanno cessato di esistere così redditizio quando il governo ha eliminato i premi nel 2012 avevano i nuovi impianti di energia pulita. Il risultato è stato che l'intera strategia della Generalitat per la realizzazione di nuovi parchi eolici si è interrotta completamente.

Il governo ha pianificato la creazione di sette principali zone prioritarie di sviluppo del vento (ZDP) distribuito in tutta la Catalogna (769 MW e un investimento di 1200 milioni di euro), ma tutto ciò è rimasto lettera morta.

In sei di queste ZPD, gli aggiudicatari hanno presentato le dimissioni, viste le nuove condizioni del settore, senza remunerazione all'energia eolica oltre il prezzo di mercato,  ha reso i suoi progetti impraticabili. Rimane quindi “viva” solo l'area di realizzazione della Terra Alta - a Vilalba dels Arcs, La Pobla de Massaluca e Batea, che ammontano a 90 MW -, assegnata a Gas Natural Renovables-Alstom Wind. Questo progetto, tuttavia, accumula un lungo ritardo.

Secondo Gas Natural, non sa nulla del ritardo, dal momento che hanno consegnato tutta la documentazione richiesta.

Il piano non è stato rispettato

Le energie rinnovabili hanno rappresentato poco più dell'2015% dell'energia totale generata in Catalogna nel 8. E per gli usi elettrici sono installati 1.268 MW di energia eolica; 267.345 MW e 24 MW di solare termoelettrico, tra le fonti rinnovabili. L'Amministrazione catalana ammette che il grado di conformità alla pianificazione attuale in Catalogna (il Plan d'Energia i Canvi Climàtic 2012-20120) è "molto basso", il che lo attribuisce al fatto che "la sua approvazione ha coinciso con la modifica normativa che ha ha fermato lo sviluppo delle energie rinnovabili in Catalogna e nel resto dello Stato ”.

È necessario un nuovo quadro giuridico

Secondo le associazioni per le energie rinnovabili “Più che una nuova pianificazione, ciò che serve è un quadro normativo ed economico che non essere limitante e restrittivo con l'introduzione delle energie rinnovabili (sono oltre 1.000 i MW di eolici autorizzati e non installati), e una convenzione sociale e territoriale che ne consenta l'installazione nel territorio ”.

“Nella parte normativa, la Generalitat sta lavorando per disegnare un nuovo quadro normativo che sia più agile e quello contribuire a promuovere l'energia rinnovabile. Per quanto riguarda l'accordo sociale e territoriale, il Patto Nazionale è la cornice per iniziare a dibattere e progettare gli strumenti per risolvere l'equazione che suppone che gli impianti rinnovabili necessitino di un'ampia superficie occupata in alcune aree del territorio ”.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.