Stufe a bioetanolo

stufe ecologiche

Concettualmente, la parola casa rappresenta il luogo caldo della famiglia, il luogo in cui ci sentiamo a nostro agio e al riparo. L'installazione di un camino, a legna oa bioetanolo, ci dona calore e freschezza, permettendoci di avere un luogo di incontro rilassante e tranquillo. Tradizionalmente, i caminetti sono stati a legna e averne uno ha i suoi vantaggi e svantaggi. Sono preferiti per il calore che forniscono, tuttavia lo svantaggio principale è che la combustione della legna tende a produrre fumo e cenere, che possono causare cattivi odori e disagio in casa. Il stufe a bioetanolo Hanno diversi pro e contro da considerare.

Per questo motivo, dedicheremo questo articolo a raccontarvi quali sono i principali pro e contro delle stufe a bioetanolo.

Quali sono

stufe a bioetanolo

Si tratta di stufe che utilizzano bioetanolo o etanolo come combustibile. È considerato un prodotto ecologico perché la sua combustione non inquina l'ambiente come i combustibili fossili. Si ottiene dalla lavorazione di materiali di fonte rinnovabile, come mais, canna da zucchero, sorgo, patata e grano.

La realtà è che rispetto ad altri tipi di combustibili convenzionali non ci sono ancora studi che ne dimostrino la redditività energetica, poiché gli attuali metodi di produzione del bioetanolo richiedono grandi quantità di energia dai combustibili fossili rispetto all'energia ottenuta dai combustibili prodotti.

Non richiede alcun dispositivo per evacuare i vapori d'olio, quindi può essere posizionato in qualsiasi locale di oltre 25 mc, garantendo così la normale ventilazione. Qualsiasi casa ha bisogno di una regolare ventilazione quotidiana, sono sufficienti 10 minuti di aria fresca al giorno.

Il suo funzionamento è semplice. Basta aggiungere carburante fino al segno indicato dal produttore. Il bruciatore deve essere completamente chiuso e raffreddato, facendo attenzione a non rovesciare il contenitore o versare il bioetanolo. Puoi farlo con un imbuto e pulire con un panno per evitare fuoriuscite. Per accendere un caminetto è sufficiente avvicinarsi all'accendino o abbinarlo con cura, poiché sono normali piccole deflagrazioni.

Stufe a bioetanolo

installazione di stufe

Il problema dell'inquinamento ambientale ci costringe a cercare combustibili meno dannosi per il nostro riscaldamento. Negli anni il bioetanolo è diventato un carburante piuttosto famoso nelle case. Pertanto, è difficile scegliere quali siano le migliori stufe a bioetanolo, visti i numerosi modelli presenti sul mercato.

Quando si vuole acquistare una stufa a bioetanolo bisogna considerare diversi parametri che determineranno la qualità del prodotto. Il primo è il consumo. L'obiettivo generale dell'acquisto è riscaldare in modo economico ma senza perdere in qualità. Il costo della stufa o del camino è qualcosa di importante da considerare. Il consumo di bioetanolo dipende dalle dimensioni della stufa, dal numero di bruciatori e dall'apertura della fiamma.

Un altro parametro di cui dobbiamo tenere conto è il potere. Maggiore è la potenza del caminetto, maggiore sarà il consumo dell'apparecchio. È meglio avere un buon equilibrio tra potenza e consumo.

Infine, un'informazione importante è la dimensione. Più grande è il prodotto in questione, maggiore sarà il consumo. Questo ci fa allontanare da questo rapporto tra potenza e consumo. Pertanto, è necessario scegliere una stufa che si adatti alle dimensioni della stanza che vogliamo riscaldare.

Le stufe a bioetanolo si riscaldano?

modello di stufe a bioetanolo

I caminetti a bioetanolo forniscono un tipo di calore per convezione. Questo non è solo in grado di riscaldare la stanza in cui ci troviamo, ma può anche essere adattato ad altre stanze. Di solito non viene utilizzato come riscaldamento principale.

Sono progettati per essere collocati nelle stanze dove trascorriamo la maggior parte del tempo. A seconda della loro potenza e dimensione si scaldano più o meno. Una potenza normale nei biocamini è di 2 KW. Con questa potenza possiamo riscaldare un locale di circa 20 mq. In questo modo, a seconda delle dimensioni della nostra stanza, possiamo sapere quale potenza acquistare.

Pro e contro delle stufe a bioetanolo

L'uso di questi dispositivi ha i suoi vantaggi e svantaggi.

Questi sono i suoi vantaggi:

  • Sono ecologici e facile da installare.
  • Non necessitano di estrattori o tubi di ventilazione.
  • Il loro livello di calore viene raggiunto rapidamente.
  • Portano un design in più in casa.
  • Sono sicuri e facili da disabilitare.
  • Il prezzo è abbastanza abbordabile.
  • Hanno poca manutenzione.

Tra i suoi svantaggi troviamo:

  • Il bioetanolo è un po' più costoso.
  • Sebbene non emani fumo o cenere, emana un odore notevole.
  • La capacità di riscaldare è più limitata. Deve essere presente un livello di ossigeno adeguato per evitare alte concentrazioni di CO2.
  • La distanza minima che devi avere sui mobili è di un metro.

Sono al sicuro?

Con la questione degli incendi e del riscaldamento, sorge sempre la domanda se siano sicuri. stufe a bioetanolo sono abbastanza sicuri, poiché la sua disattivazione è molto semplice. Inoltre, molti modelli hanno delle protezioni per le fiamme che aiutano a prevenire ustioni accidentali.

Il suo livello di pericolosità è molto inferiore a quello della legna da ardere tradizionale, poiché non ci sono scintille o tronchi ardenti. Perché la nostra stufa a bioetanolo sia completamente sicura, dobbiamo rispettare la distanza di sicurezza di un metro.

Il bioetanolo deve essere reintegrato man mano che viene consumato. Esistono diversi tipi e marche di bioetanolo. Secondo maggiore è la qualità, maggiore sarà la capacità di riscaldamento che avrà, oltre a rilasciare meno odore.

Il consumo di bioetanolo dipende interamente dalla potenza del caminetto e dal tempo di accensione. Ogni camino ha una certa capacità del serbatoio. A seconda di cosa può ospitare, la combustione durerà più o meno.

Uno dei fattori da tenere in considerazione quando si consuma bioetanolo è l'intensità della fiamma e il foro di uscita. Di solito si brucia tra 0,20 e 0,60 litri di bioetanolo all'ora. Si può dire che questo è il consumo standard, quindi con un litro di carburante potremmo avere la fiamma ad intensità intermedia tra le 2 e le 5 ore.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sui pro e contro delle stufe a bioetanolo.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.