Schiphol e altri 3 aeroporti olandesi funzioneranno solo con energie rinnovabili nel 2018

Gli aeroporti del gruppo olandese Schiphol, che si trovano ad Amsterdam, Eindhoven, Rotterdam e Lelystad, Funzioneranno al 100% con energia rinnovabile dal 1 ° gennaio 2018, dopo un accordo firmato tra quel conglomerato e la società energetica Eneco.

Secondo l'agenzia di stampa ANP, Schiphol ha firmato un patto con a lungo termine con il fornitore di elettricità in modo che i suoi aeroporti siano alimentati solo da energia sostenibile generata nei Paesi Bassi.

Aeroporti

Più o meno, i quattro aeroporti consumano circa 200 GW / h di energia ogni anno, che è paragonabile al consumo di circa 60.000 famiglie. L'accordo prevede che Eneco fornirà quell'energia per i prossimi 15 anni.

inizialmente, l'energia per gli aeroporti proverrà in parte da fonti rinnovabili esistenti nel Paese, ma dal 2020 saranno alimentati esclusivamente da parchi eolici di nuova costruzione.

parco eolico offshore per l'ottenimento di energia rinnovabile

Secondo l'amministratore delegato di Eneco, Jeroen de Haas: “Per la transizione energetica è fondamentale che il mondo degli affari, il più grande consumatore di energia, abbraccia la sostenibilità.

Offerte importanti come quella del gruppo Schiphol consentono ai fornitori di energia di investire nella generazione di energia rinnovabile, come l'installazione di nuovi parchi eolici. Come già accennato in questa pagina, in Olanda ultimamente ce ne sono state altre grandi risultati poiché la rete ferroviaria funziona al 100% con l'energia eolica.

Treni del vento

treno del vento

Il cambiamento non era previsto fino al 2018, ma le autorità olandesi (Paesi Bassi) hanno annunciato che l'intera flotta ferroviaria ora funziona al XNUMX% con l'energia eolica.  Ufficialmente, dal 1 ° gennaio di quest'anno 2017, Tutti i treni che circolano sui binari nei Paesi Bassi sono alimentati da energia pulita generata da fonti rinnovabili. Per la precisione, da quest'anno tutti i treni circolano con l'elettricità generata da enormi parchi eolici distribuiti nei campi di Olanda, Belgio, Finlandia o Svezia.

Nonostante le buone condizioni olandesi, l'energia eolica non è dedicata solo ai treni e Il paese non ha abbastanza turbine per coprire i suoi bisogni. Quindi la metà viene generata all'interno e il resto viene acquistato da fornitori in altri paesi, come abbiamo commentato in precedenza. Lì ha contribuito alla costruzione di nuove turbine eoliche e questo investimento garantisce che l'elettricità importata (tramite cavi terrestri o sottomarini) provenga da mulini a vento piuttosto che da altre fonti non rinnovabili. Per dimostrarlo, l'associazione VIVENS deve avere un certificato funzionario che indica l'origine dell'energia e la sua sostenibilità, nonché il nome del venditore, prima di portare l'elettricità nei Paesi Bassi.

Paesi Bassi

Le origini di questo progetto di energia pulita risalgono al 2015, quando il NS (Nederlandse Spoorwegen, la principale compagnia ferroviaria del paese) ha raggiunto un accordo con altre aziende del settore per ridurre gli effetti nocivi dell'inquinamento generato dalle fonti energetiche che in quel momento alimentavano i treni. L'obiettivo era quello di diventare dipendenti al 100% dalle fonti di energia rinnovabile entro il 2018, ma sono riusciti a raggiungere il loro scopo un anno prima del previsto.

Nel caso della principale compagnia ferroviaria del paese, la NS, questa compagnia trasporta ogni giorno più di 600.000 passeggeri in tutto il paese. Questa cifra, tradotta in consumo di energia, è equivalente a uno richiesta di 1,2 TWh di elettricità all'anno.

Amsterdam

In breve, il chilometraggio coperto dai treni olandesi ha bisogno 1.400 miliardi di chilowattora all'anno, una quantità simile a quella consumata da tutte le famiglie ad Amsterdam. Un mulino a vento ha una media di 7.500.00 chilowattora all'anno. E un'ora di viaggio è sufficiente per caricare un percorso ferroviario di circa 200 chilometri. I dati sono della società elettrica e del gas Eneco, la stessa società che ha stipulato l'accordo con Schiphol discusso nella prima parte dell'articolo.

Dato che le aziende del paese non sono in grado di soddisfare il cento per cento della domanda di energia rinnovabile, gran parte dell'energia eolica che alimenta questi treni viene dall'estero.

Ma ciò non toglie nulla alle notizie, poiché si prevede che metà dell'elettricità che alimenta questi treni provenga dai parchi. Dei 1,2 TWh all'anno che i treni necessitano per funzionare, 450 MWh proverranno da a impianto situato nel comune di Noordoostpolder e altri 129 MWh arriveranno da Luchterduinen.

NS (Nederlandse Spoorwegen)

Per celebrare questa notizia, il presidente della compagnia ferroviaria NS -Roger van Boxtel- Lo si è visto in un curioso video in cui appare attaccato a un mulino mentre le eliche iniziano a ruotare per effetto del vento, il tutto nello stesso momento in cui un treno aziendale passa davanti al mulino. Certo, ci sono ragioni sufficienti per la gioia.

 


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.