Quali paesi europei sono i leader nella produzione rinnovabile?

investire nelle energie rinnovabili aumenterà il PIL globaleAttualmente, secondo gli ultimi dati Eurostat, la percentuale di energia da fonti rinnovabili nell'Unione Europea ha raggiunto in media il 17% del consumo finale. Un dato importante, se si tiene conto dei dati del 2004, che a quel tempo raggiungevano solo il 7%.

Come abbiamo più volte commentato, l'obiettivo obbligatorio dell'Unione europea è che entro il 2020 provenga il 20% dell'energia risorse rinnovabili e aumentare questa percentuale almeno al 27% nel 2030. Anche se c'è una proposta per rivedere quest'ultima cifra al rialzo.

Per paese, la Svezia è il paese in cui si produce più energia rinnovabile rispetto al consumo finale, con il 53,8%. Seguono Finlandia (38,7%), Lettonia (37,2%), Austria (33,5%) e Danimarca (32,2%). Purtroppo ce ne sono anche altri lontani dagli obiettivi dell'UE, come Lussemburgo (5,4%), Malta e Paesi Bassi (entrambi con il 6%). La Spagna è al centro della classifica, con poco più del 17%.

Paese

Percentuale di energia da fonti rinnovabili (% del consumo finale)

1. Suecia

53,8

2. Finlandia

38,7

3. Lettonia

37,2

4. Austria

33,5

5. Dinamarca

32,2

6. Estonia

28,8

7. Portogallo

28,5

8. Croazia

28,3

9. Lituania

25,6

10. Romania

25

14. Spagna

17,2

Successivamente vedremo diverse iniziative dei paesi membri, con ciò che vogliono o hanno già raggiunto gli obiettivi dell'Unione europea

Iniziative rinnovabili da vari paesi

Parchi eolici offshore in Portogallo

Il primo parco eolico offshore della penisola iberica è già una realtà ma al largo della costa Viana do Castelo, in territorio portoghese, a soli 60 chilometri dal confine con la Galizia. È la nuova e decisa scommessa del paese vicino per le energie rinnovabili, campo in cui Il Portogallo ha un grande vantaggio su di noi, nonostante il fatto che la Spagna sia una potenza mondiale in termini di energia eolica terrestre.

Danimarca Eoliana

Il paradosso spagnolo

Nel caso dell'energia eolica offshore, il paradosso spagnolo è totale. Nel nostro Paese non esistono parchi eolici "offshore", solo alcuni prototipi sperimentali. Y Tuttavia, le nostre aziende sono leader mondiali anche in questa tecnologia. Non un solo megawatt entra nella rete spagnola dal mare quando si trova nel Regno Unito Iberdrola ha inaugurato diversi parchi eolici, come il West off Duddon Sands (389 MW), ha in costruzione in Germania e si è aggiudicato (sempre nel Regno Unito) l'East Anglia One (714 MW), il più grande progetto spagnolo della storia nel settore energie rinnovabili. Oltre a Iberdrola, anche aziende come Ormazabal o Gamesa sono punti di riferimento.

La Francia presenta un piano per raddoppiare l'energia eolica entro il 2023

La Francia ha presentato un piano il cui obiettivo è semplificare tutte le procedure amministrative e accelerare lo sviluppo di tutti i progetti di energia eolica aumentare la sua produzione di energia pulita da questo settore per raddoppiare entro il 2023.

Parco eolico in mare

Le sfide della Danimarca

La proposta della Danimarca è rimuovere il carbone in 8 anni, senza dubbio ci aspetta un grande traguardo. Contare sulla Danimarca è da decenni leader nel settore dell'energia eolica da quando ha investito in questa tecnologia dal 1970 con la crisi petrolifera globale.

Gli obiettivi della Danimarca passano attraverso:

  • 100% di energia rinnovabile by 2050
  • 100 per cento di energia rinnovabile in elettricità e riscaldamento da 2035
  • Fase completa di eliminazione di carbone entro il 2030
  • Riduzione del 40% di emissioni di gas serra dal 1900 al 2020
  • Il 50 percento del richiesta di energia elettrica fornito da energia eolica entro il 2020

Belgio

La Finlandia vuole vietare il carbone nel prossimo futuro

Finlandia studi che vietano, per legge, il carbone per produrre elettricità prima del 2030. Mentre in stati come la Spagna la combustione del carbone è aumentata del 23% lo scorso anno, la Finlandia vuole cercare alternative più ecologiche, pensando al futuro del paese.

Finlandia

L'anno scorso il governo finlandese ha presentato un nuovo piano strategico nazionale per il settore energetico che prevede, tra le altre misure, vietare per legge l'uso del carbone per la produzione di energia elettrica dal 2030.

Le auto elettriche norvegesi

In Norvegia, il 25% delle auto vendute sono elettriche. Sì, avete letto correttamente, il 25%, 1 su 4, essendo anche degli autentici punti di riferimento dell'energia idroelettrica e capaci di autosufficienza praticamente solo con le energie rinnovabili. Un esempio da seguire, nonostante sia un grande produttore di petrolio. È proprio su questo che hanno fatto affidamento per raggiungere tali cifre. Invece di bruciare il petrolio per produrre elettricità, si sono dedicati ad esportarlo e ad utilizzare il denaro ottenuto per realizzare centrali idroelettriche.

Norvegia

 

 


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.