Proteine ​​animali e ambiente, una combinazione pericolosa

Carne rossa

Se c'è un nutriente che viene attribuito ai muscoli, è sicuramente il proteine. È infatti uno dei principali costituenti del tessuto muscolare, i cui contributi meritano di essere ottimizzati quotidianamente quando l'individuo è interessato allo sport, quando vuole dimagrire o semplicemente prendersi cura della salute. Perdita di peso e pratica frequente di a attività fisica in effetti generano un aumento dei bisogni teorici.

Questo ragionamento è fisiologico ed è l'argomento principale raccomandazioni nutricionales. Ma se diamo uno sguardo un po 'più globale al ruolo del cibo, in una dimensione collettiva, la situazione non è così semplice. In effetti, vedendo il file evoluzione demografica e l'attuale tendenza della popolazione mondiale ad aumentare i propri contributi nelle proteine ​​animali, comincia finalmente a creare un problema.

Mentre il proiezioni ci portano a più di 9,6 miliardi di abitanti del pianeta entro il 2050, il mantenimento di questo tipo di consumo di proteine ​​animali è infatti un problema ecologico. Su scala umanitaria, rivedere il consumo di proteine gli animali sono indispensabili. La produzione animale monopolizza il 70% della terra arabile e il 40% dei cereali coltivati ​​nel mondo sono destinati all'alimentazione del bestiame che trasporta queste terre.

Questo è uno dei punti essenziali per garantire questa crescente domanda di proteine animales. È fondamentale aumentare la produzione cerealicola a scapito della fertilità del suolo e del rispetto dell'ecosistema. In sintesi, mentre più di 840 milioni di persone soffrono la fame nel mondo, e 2000 miliardi carenze nutricionales, il sistema attuale privilegia un rendimento energetico debole per rispondere al crescente fabbisogno di proteine ​​animali a scapito di soluzioni globali, sia nutrizionali, ambientali ed economiche.

Infatti, a seconda della specie, il COSTE energico delle calorie animali stimate è di circa 3-9 calorie vegetali. Se prendiamo l'esempio di una carne bovina allevata industrialmente per tre anni per fornire 200 chili di carne, questo bue consumerà 1300 kg di grano e 7200 kg di foraggio. In media, sono necessari 7 chili di cereali per produrre un chilo di carne nell'allevamento intensivo. Chi dice coltivazione, dice anche consumo di acqua.

La impronta acqua È un'unità di misura virtuale, che permette di quantificare l'acqua necessaria alla produzione di un alimento in tutte le fasi, dirette e indirette. Tra il 1996 e il 2005 l'impronta idrica dell'umanità è stata enorme, il 92% di questa era destinata al agricoltura e della allevamento di animali. Secondo un rapporto pubblicato nel 2010 dall'HIE dell'UNESCO, la produzione di un chilo di carne bovina richiede 15.000 litri di acqua.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.