Le centrali nucleari belghe mettono a disagio tedeschi e olandesi

Centrale nucleare

I Verdi non sono gli unici a preoccuparsi per lo stato del parco nucleare belga, a causa della controversa messa in servizio di due reattori, poche settimane fa, e la proroga per 10 anni, decisa a fine 2014 dal Governo, di 2 unità, la più vecchia, la Doel 1 y Doil 2, risalente al 1975.

La saga belga, punteggiata da una serie di incidenti recenti, generalmente minimizzati dalle autorità e dall'operatore, Electrabel, provoca anche dubbi nei residenti di Belgio. All'inizio di gennaio, diversi partiti di opposizione olandesi hanno chiesto al governo di intervenire presso le autorità belghe dopo l'interruzione, a causa di difficoltà tecniche, del Doel 1, situata a pochi chilometri dal confine con i Paesi Bassi.

Un problema di alternatore Ha causato il 2 gennaio lo spegnimento automatico del reattore che era stato riavviato meno di una settimana prima, dopo 20 anni e un mese di inattività. Un altro reattore, il Doel 3, Inoltre è stato fermato il 25 dicembre 2015, 4 giorni dopo l'avvio, a causa di una perdita d'acqua in un generatore della parte non nucleare del centrale.

"Non ci sono problemi sicurezza”, Ha spiegato il ministro dell'Interno, mentre il partito ecologico era preoccupato per l'apparente mancanza di predominio di Electrabel e per il ritmo sfrenato che sembrava presiedere al varo degli impianti.

Anche la sfiducia si stabilì Germania, dopo questo incidente che non è il primo del suo genere. Sopra Lussemburgo, anche il Segretario di Stato per lo sviluppo sostenibile, ha espresso la sua preoccupazione e ha chiesto chiarimenti sulla situazione del reattore Tihang. I funzionari tedeschi in precedenza avevano chiesto la chiusura di questa unità, situata a 70 km dalla città di Aix-la-Chapelle, dopo alcuni microfessure sono stati scoperti nei serbatoi d'acciaio di diversi reattori belgi.

Migliaia di microalveoli sarebbe stato trovato dal 2012 in Doel 3 y Tihang 2. I reattori dovettero fermarsi e i serbatoi furono sottoposti a vari test di resistenza. L'operatore ha finalmente autorizzato il loro riavvio nel novembre 2015. Un'associazione anti-nucleare, che riunisce più di 200.000 membri in Belgio, nel paesi Basso e in Germania ora state cercando di opporvi a questa decisione. L'opposizione ambientale sostiene che gli stabilimenti belgi sono tra i meno affidabile esso mondo.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.