Le cause della deforestazione del pianeta

Deforestazione

L'espansione agricola è la causa principale del la deforestazione nel mondo. Le piantagioni di palma da olio, lo sviluppo di colture per nutrire gli animali, l'estrazione di metalli e minerali preziosi, sono le principali cause della deforestazione. Molti dei piccoli contadini poveri e itineranti partecipano anche alla deforestazione, poiché bruciano foreste per poter seminare piccoli appezzamenti di terreno.

Per esempio, in Brasile, le foreste primarie vengono distrutte per far crescere la soia che alimenta il bestiame e la canna da zucchero per produrre bioetanolo, mentre in Indonesia, le terre vengono ripulite dagli alberi per piantare palme produttrici di petrolio, che inondano i prodotti dei supermercati e che presto potrebbero anche alimentare le auto.

La espansione agricolo è anche la conseguenza dell'aumento demografico della popolazione mondiale.

L'estrazione di combustibili fossili

Infine, l'estrazione del file olio e anche il gas gioca un ruolo poiché vasti tratti di foresta sono danneggiati dallo sfruttamento e dalla posa di oleodotti, per non parlare delle frequenti perdite di petrolio o dello sfruttamento delle sabbie bituminose.

Disboscamento illegale

La sfruttamento illegale anche il legno gioca un ruolo importante nella deforestazione. L'Europa ha un'elevata responsabilità per questo degrado, poiché circa un quarto delle sue importazioni di legname proviene da fonti illegali. Si stima che tra il 50 e il 90% dello sfruttamento forestale nei principali paesi tropicali del bacino amazzonico, dell'Africa centrale e del sud-est asiatico, provenga dalla criminalità organizzata.

Perdita di biodiversità

I foreste ospitano oltre l'80% della biodiversità terrestre e rappresentano uno degli ultimi rifugi per molte specie animali e vegetali. Per questo motivo la deforestazione è una catastrofe sia per l'uomo che per altre specie, poiché si stima che 27.000 specie di animali e piante scompaiano ogni anno a causa della distruzione degli alberi. Questa perdita di biodiversità, che può essere irreversibile, taglia l'umanità di servizi e risorse inestimabili. In effetti, i sistemi alimentari dipendono fortemente dalla biodiversità e una percentuale considerevole di medicinali è di origine biologica.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   casaalameda suddetto

    Ottimo articolo.
    Vorrei evidenziare la produzione di biocarburanti, che ci è stata venduta come pratica ambientalista e alla fine non lo è stata.
    Adesso è olio di palma.
    E da sempre l'agricoltura e l'allevamento sono state le principali cause di deforestazione.