La previsione dell'energia eolica nel 2030 secondo PREPA

energia eolica spagna

La Wind Business Association (AEE) ha preparato l'analisi “Elementi necessari per la transizione energetica. Proposte per il settore elettrico', che ha inviato al Comitato di esperti per la transizione energetica.

L'obiettivo dell'associazione è realizzare un file proposta realistica sul contributo dell'energia eolica al mix elettrico nel 2020, 2030 e 2050. La transizione energetica richiede una pianificazione a lungo termine.

PREPA ha preso come riferimento lo scenario proposto dalla Commissione Europea basato sul modello PRIMES per il 2030, che prevede una crescita abbastanza contenuta del richiesta elettrica. PREPA ha fissato obiettivi di elettrificazione e decarbonizzazione molto più ambiziosi, al fine di raggiungere l'obiettivo dell'accordo di Parigi di cercare di ottenere una riduzione dell'80-95% delle emissioni di gas serra entro il 2050.

CO2

Il settore elettrico deve essere in grado di soddisfare la nuova domanda di energia elettrica senza penalizzare gli obiettivi di riduzione delle emissioni.

In sintesi del report, l'energia eolica installata nel 2020 raggiungerebbe 28.000 MW (tenendo conto delle aste di nuova potenza già aggiudicate nel 2016 e 2017 e della quota eolica delle Canarie), in modo che l'energia eolica aumenterebbe in media di 1.700 MW all'anno tra la fine del 2017 e l'inizio del 2020. Mentre in nel decennio successivo aumenterebbe in media di 1.200 MW all'anno fino al 2030, raggiungendo i 40.000 MW di potenza installata.

Energia eolica

Grazie a queste nuove turbine eoliche, le emissioni del settore elettrico spagnolo sono ridurrebbe entro il 2020 del 30% rispetto al 2005 (anno di riferimento per il sistema europeo di scambio di quote di emissioni, ETS nel suo acronimo in inglese) e del 42% entro il 2030.

Nella migliore delle ipotesi, il 100% della decarbonizzazione del sistema elettrico sarebbe raggiunto entro il 2040. Inoltre, il mix elettrico spagnolo raggiungerebbe il 40% del copertura della domanda con le rinnovabili nel 2020, 62% nel 2030, 92% nel 2040 e 100% entro il 2050.

Per eseguire l'installazione di nuova energia eolica posto dallo scenario PREPA, è necessario avere semplicità, stabilità e sicurezza nella regolamentazione.

Turbina eolica

Secondo il direttore dell'AEE, Juan Virgilio Márquez: “L'attuale modello energetico è incompatibile con gli obiettivi che ci siamo posti in Europa. La pianificazione energetica del nuovo modello deve essere formulata nel lungo periodo con visibilità e coordinamento del politiche trasversali. Inoltre, il mercato deve fornire segnali di investimento adeguati e il quadro fiscale deve essere corretto. La governance del processo è fondamentale e deve essere oggettiva e indipendente. Il settore eolico è preparato e competitivo per fornire al sistema la capacità eolica necessaria per raggiungere gli obiettivi di decarbonizzazione, fornendo oltre il 30% dell'energia elettrica nel 2030. Sulla base dello scenario sviluppato da AEE, la potenza installata nel 2020 dovrebbe essere 28.000 MW ed entro il 2030 sarebbero 40.000 MW. Entro il 2050 l'energia eolica installata sarebbe di 60.000 MW ”.

Se lo scenario PREPA di installazione di energia eolica è soddisfatto, avrebbe circa benefici bestiali. Alcuni di questi sarebbero:

• La sicurezza energetica spagnola migliorerebbe con la riduzione delle importazioni di combustibili fossili di 18 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio

• Significherebbe 32.000 posti di lavoro nel settore eolico

• Il contributo al PIL sarebbe di oltre 4.000 milioni di euro

• Eviterebbe l'emissione di 47 milioni di tonnellate di CO2

Per il settore eolico spagnolo avrebbe vantaggi significativi quali:

- Una riattivazione dell'attività industriale e tecnologico grazie all'installazione di nuova potenza a una velocità e un volume simili a quelli dell'ultimo decennio.

- Lo sviluppo del mercato interno migliorerebbe la posizione competitiva (economie di scala, leadership tecnologica, professionisti qualificati, ecc.) di aziende spagnole, che aumenterebbero ulteriormente le esportazioni.

- L'attività di manutenzione degli impianti giocherebbe un ruolo ancora più rilevante.

Nell'analisi 'Elementi necessari per la transizione energetica. Proposte per il settore elettrico ', AEE propone l'adozione di una serie di misure concrete nel settore elettrico per facilitare il contributo delle energie rinnovabili nel raggiungimento degli obiettivi nel 2030 e 2050. Le misure sono concentrate in sei aree: Pianificazione e Quadro normativo , fiscalità, nuovi meccanismi di finanziamento, tra gli altri.

Alcuni di questi misure concrete, indicate dalle diverse zone, sono:

Pianificazione e quadro normativo

  • Definire obiettivi obbligatori per il 2030 per il settore, consentendo un percorso progressivo (2031-2050) per raggiungere l'obiettivo della riduzione dell'80-95% delle emissioni di CO2 entro il 2050.

Emissioni di gas serra

  • Elimina i costi dalla bolletta dell'elettricità alieno fornire.
  • Stabilire un quadro stabile per l'installazione di energia rinnovabile: meccanismi di remunerazione stabili, un percorso di attuazione e un calendario per vendita all'asta.
  • Facilitare gli investimenti in interconnessione tra i paesi per garantire esportazioni in eccedenza.

Imposizione fiscale

• Stabilire un sistema fiscale ambientale che aiuta gli investitori a investire in energie efficienti e pulite, sulla base del concetto che “chi inquina paga”.

• Eliminare la tassazione puramente collezione sulle energie rinnovabili, come le tasse regionali rinnovabili e la tassa sulla produzione di energia elettrica.

Evoluzione tecnologica 

• Approvare un piano nazionale per Elettrificazione, che copre tutti i settori, principalmente i trasporti.

• Implementare a quadro normativo che promuove l'autoconsumo e l'accumulo di energia.

• Impostare meccanismi di regolamentazione, economiche o fiscali che favoriscano il repowering e il prolungamento della vita dei parchi nelle aree ad alta risorsa eolica.

Installazione di un mulino a vento


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.