La morte del sole e della Terra

Sole e terra

La fine del mondo, un lento processo a misura d'uomo, è già iniziata e finirà con la scomparsa della vita nel Terra, in circa 500 milioni di anni.

È comunemente affermato che Terra sarà distrutto con la morte del sole, tra 7 miliardi di anni. Infatti, i ricercatori specializzati nell'evoluzione delle stelle sanno che nascono e muoiono adottando nuove forme e caratteristiche che generano profondi cambiamenti nell'ambiente spaziale. Il sol Brilla perché brucia un combustibile, l'idrogeno, che viene trasformato in elio in un processo di fusione nucleare.

Tra diversi miliardi di anni, questa riserva comincerà a mancare, il sol prenderà quindi l'idrogeno dal guscio esterno del suo nucleo, in uno strato vicino alla superficie del sole. Di conseguenza, gli strati esterni del sole si espandono progressivamente, gonfiando notevolmente il stella la cui dimensione sarà moltiplicata per 200.

El helio accumulati nel cuore del sole inizieranno quindi a fondersi per formare carbonio e ossigeno, mentre in periferia, nel guscio che circonda il cuore, il idrogeno continuerà a sciogliersi. L'energia rilasciata sarà quindi considerevole e la stella diventerà un percorso gigante diecimila volte più luminoso dell'attuale sole.

Il diametro del sol continuerà a gonfiarsi e comprendere i primi pianeti del sistema, Mercurio e Venere, che saranno 7 disintegrati, mentre la Terra e probabilmente Marte verranno definitivamente bruciate.

Dopo 12.000 miliardi di anni di esistenza, il nostro Planeta sarà assorbito dal sole, trasformato in un gigante che distruggerà ogni traccia di presenza umana e disperderà molecole e atomi del vecchio Terra attraverso lo spazio.

Per quanto riguarda il sole, il suo equilibrio, come gigante rossa, sarà molto instabile e il nucleo solare finirà per sciogliersi, proiettandosi nel spazio trasiderale gli strati esterni del sole morente sotto forma di una nebulosa.

Le consecuencias sulla terra saranno disastrosi. Progressivamente le temperature della terra diventeranno insopportabili e le creature terrestri cercheranno rifugio nell'acqua. Solo gli unici in grado di adattarsi a un ambiente acquatico sopravviveranno per un po 'di tempo. Ma a lungo termine, gli oceani diventeranno così caldi da uccidere qualsiasi forma di vita complessa. Alla fine, Seres vivo saranno consumati e gli oceani letteralmente vaporizzati. In questo modo, la fine dell'uomo dovrebbe arrivare molto prima della fine del Tirra In se stessa.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.