L'adesivo di contaminazione è obbligatorio?

l'etichetta inquinamento è obbligatoria in macchina

Sappiamo che l'inquinamento ambientale da veicoli e trasporti in generale causa grandi quantità di tossine per l'atmosfera che influiscono sulla qualità dell'aria e sui cambiamenti climatici. Per alleviare questi problemi, la DGT ha rilasciato nel 2016 alcuni adesivi antinquinamento che ci dicono se i veicoli sono più o meno inquinanti. Una domanda che sorge per molti conducenti è se lo sia l'adesivo di contaminazione è obbligatorio.

Per questo motivo, dedicheremo questo articolo a dirti se il bollino inquinamento è obbligatorio, quali sono le sue caratteristiche e quanto è importante averlo in macchina.

adesivo inquinamento

l'etichetta inquinamento è obbligatoria in macchina

Le etichette ambientali sono una realtà. Promosso dalla Direzione Generale dei Trasporti attraverso il Piano nazionale per la qualità dell'aria 2013-2016, questi adesivi colorati facilitano l'identificazione delle auto in base alle loro emissioni inquinanti. affinché? Sostiene principalmente le politiche municipali nelle città metropolitane come Barcellona o Madrid.

Questo sistema di classificazione dei veicoli mediante etichette a colori consentirà un accesso controllato ai centri delle grandi città, come quelle del passato. Grazie a questi badge è possibile limitare efficacemente la sosta di alcuni veicoli in zone residenziali o centrali, che entrano nel centro cittadino a causa di incidenti ad alto inquinamento...

Questi cinque elementi sono comuni a tutte le etichette, a seconda dell'etichetta, le informazioni in ciascuna sezione variano.

  • Livello di emissione EURO o identificatore di categoria. In caso di etichetta a emissioni zero, compare solo il numero 0.
  • QR Code. Ci mostra le informazioni di base sul nostro veicolo: anno di immatricolazione, marca e modello, carburante, categoria e autonomia elettrica, livello di emissioni in euro e solidità economica.
  • Numeri di etichetta e codici a barre
  • Numero di targa del veicolo e carburante (varia a seconda dell'etichetta): Zero Emission ed ECO riportano la targa e l'energia consumata dal veicolo (BEV, REEV, PHEV, FCEV, o HICEV nel caso di Zero Emission, PHEV, HEV, GPL, CNG o LNG nel caso di emissioni zero). In C e B ritirare targa e tipo di carburante (diesel o benzina)
  • Bandiera DGT e FNMT

Etichetta a emissioni zero

Adesivi DGT

Questo badge viene utilizzato per identificare i veicoli meno inquinanti. La cosiddetta etichetta zero, o blu, corrisponde al veicolo "più verde", o lo stesso, che inquina di meno. Lo troviamo in ciclomotori, tricicli, quad e motocicli con batterie; vagoni passeggeri; furgoni leggeri, veicoli con più di 8 posti e classificati come veicoli elettrici a batteria (BEV) nel registro veicoli DGT, Veicolo elettrico a autonomia estesa (REEV), Veicolo elettrico ibrido plug-in (PHEV) veicolo per il trasporto di merci con autonomia minima di 40 km o veicolo a celle a combustibile.

Le immatricolazioni di veicoli elettrici e ibridi sono state 73.752 nei primi dieci mesi del 2018, il 41% in più rispetto allo stesso periodo del 2017, secondo l'associazione Anfac. Madrid guida la classifica delle immatricolazioni, seguita da Barcellona, ​​​​​​Andalusia e Comunità Valenciana.

I conducenti di questo tipo di veicoli godono di completa libertà di movimento in città, senza restrizioni di accesso in caso di inquinamento, e possono parcheggiare gratuitamente in centro [in alcuni casi].

etichetta ecologica

divieti di circolazione

I veicoli a cui è stata assegnata la designazione ECO dall'adesivo DGT [metà verde, metà blu] sono autovetture, furgoni leggeri, veicoli con più di 8 posti e veicoli classificati come ibridi plug-in nel registro dei veicoli a bassa autonomia del veicolo elettrico Veicoli merci Veicoli alimentati da veicoli elettrici ibridi non plug-in (HEV), gas naturale compresso (GNC) e gas di petrolio liquefatto (GPL) in modalità 40 km.

Sebbene gli ECO siano classificati come uno dei veicoli più puliti, durante gli eventi ad alto inquinamento, gli ECO possono essere interessati da restrizioni di parcheggio e ingresso in città, a seconda dello scenario in cui si trovano. Tuttavia, come regola generale, i conducenti di questi veicoli non subiranno problemi o limitazioni al traffico, poiché questi eventi sono rari e si verificano in circostanze eccezionali.

Etichetta ecologica DGT ECO – Zero

Etichetta C

L'etichetta verde con la lettera C copre i veicoli a benzina e leggeri immatricolati dopo gennaio 2006 e i veicoli diesel immatricolati dopo il 2014, i veicoli con più di 8 posti e le spedizioni di merci a benzina e diesel immatricolate a partire dal 2014. Questa singolarità riguarda Euro 4, 5 e 6 normativa benzina e diesel Euro 6.

Per quanto riguarda la riduzione di accessi, parcheggi o restrizioni, sarà più permissiva rispetto alle prime due categorie, a seconda dello scenario in cui si trova. Vista la situazione di allerta, ai veicoli a motore, compresi i ciclomotori, sarà vietata la circolazione e la sosta in città, ad eccezione dei taxi gratuiti.

Etichetta B

L'etichetta gialla B corrisponde all'auto più inquinante di questo catalogo DGT. Veicoli a benzina e veicoli leggeri immatricolati nel gennaio 2000, veicoli diesel immatricolati nel gennaio 2006 e veicoli con più di 8 posti e veicoli per il trasporto merci a benzina e diesel immatricolati nel 2005. Devono essere compatibili con i diesel Euro 3 ed Euro 4 e 5.

Le auto con etichetta B (gialla) sono quelle che subiscono i maggiori disagi quando si tratta di ridurre la circolazione e la sosta quando viene attivato il protocollo in caso di incidente di inquinamento, che dipende sempre dal livello di inquinamento.

L'adesivo di contaminazione è obbligatorio?

Oggi il posizionamento del bollino inquinamento a livello nazionale è volontario. Tuttavia, questo è ancora altamente raccomandato, poiché se non lo facciamo, possiamo perdere i vantaggi della circolazione o del parcheggio dei veicoli. La stessa DGT sottolinea che «Il posizionamento del badge è volontario. Tuttavia, poiché facilita l'identificazione rapida dei veicoli meno inquinanti, consigliamo di attaccarlo nell'angolo inferiore destro del parabrezza anteriore". Angolo in basso a destra (se ce l'hai), o se non ce l'hai, posizionalo dove il veicolo è visibile.

Spero che con queste informazioni tu possa saperne di più sul fatto che l'adesivo di contaminazione sia obbligatorio.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.