Il divieto di utilizzare sacchetti di plastica è stato ritardato fino al 1 giugno

Sacchetto di plastica

Inizialmente era previsto per il 1 gennaio. Successivamente è stato rinviato al 28 marzo. Infine, sarà dal 1 luglio quando il decreto sul divieto di sacchetti di plastica monouso.

Deciso nell'ambito della legge in materia transizione energia Promulgato ad agosto, il divieto dei sacchetti di plastica monouso è stato analizzato dalla Commissione Europea e dal Consiglio di Stato, per specificare la tipologia di sacchetti interessati in relazione alle normative europee.

Finalmente lo sarà sacchetti di plastica con uno spessore inferiore a 50 micrometri, indipendentemente dal loro volume, e che sono gratuiti oa pagamento, che saranno vietati nelle scatole dei negozi a partire dal 1 luglio 2016. A partire dal 1 gennaio 2017 saranno anche respinti e vietati tutti i sacchetti e gli imballaggi di plastica monouso, compresi quelli forniti per il confezionamento di frutta e verdura o formaggi. Il consumatori dovranno utilizzare sacchetti riutilizzabili, con più di 50 micrometri, o sacchetti di carta.

Nonostante l'entrata in vigore del decreto di esecuzione, molti grandi negozi hanno già smesso di utilizzare sacchetti di plastica monouso. Secondo la Federation of Commerce and Distribution Companies, il numero di borse distribuite dai marchi sarebbe passato da 10,5 miliardi a 700 milioni all'anno dalla firma di un accordo volontario nel 2003. Molte aziende richiedono ai clienti di pagare 3-5 centesimi per invogliarli a portare le proprie borse riciclabili.

Nel 2010, il numero di sacchetti di plastica abbandonato allo stato brado all'anno a livello europeo era di 8000 milioni. In genere vengono utilizzati meno di 20 minuti, tra la distribuzione in negozio e il disimballaggio degli acquisti a casa. Tuttavia, una borsa impiega dai 100 ai 400 anni per degradarsi.

Questa seconda vita è particolarmente pericolosa per il fauna marina. Tartarughe, mammiferi e uccelli possono ingerirli e annegare. Secondo uno studio pubblicato nel 2015, 700 specie marine avrebbero attraversato il percorso dei rifiuti di plastica nell'acqua e il 10% di questi individui li avrebbe ingeriti.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Acquista plastica riciclata suddetto

    Speriamo che non lo ritardino di nuovo ...