ICP

ICP

Ci sono molti modi per risparmiare e tenere conto della luce che usiamo a casa. Uno di questi è il ICP noto come interruttore di controllo dell'alimentazione. È un dispositivo installato in casa che viene utilizzato per interrompere l'alimentazione quando la potenza elettrica ha superato quanto contratto. Di solito si verifica quando un gran numero di apparecchi elettrici sono collegati contemporaneamente e la potenza contrattuale non sfugge alla fornitura della domanda di elettricità.

In questo articolo ti diremo tutto ciò che devi sapere sull'interruttore di controllo dell'alimentazione ICP e sulle sue caratteristiche.

caratteristiche principali

interruttore di controllo dell'alimentazione

Questo tipo di sistema di controllo è stabilito per le case che hanno meno di 15 kW di potenza. Sappiamo che il taglio dell'alone di alimentazione è solo momentaneo poiché può essere recuperato se vedi colleghiamo i dispositivi elettrici che superano la potenza contratta. Una volta che abbiamo spento gli apparecchi che stavamo utilizzando in modo eccessivo, l'elettricità può essere riutilizzata normalmente.

L'ICP si trova nel pannello di controllo generale dove si trova il resto del sistema di illuminazione. L'utente che dispone di un'alimentazione elettrica deve sapere in ogni momento dove si trova l'ICP. Se la potenza contrattata viene superata, il dispositivo deve essere riattivato per recuperare l'elettricità di casa. Di solito le famiglie Conoscono la potenza che viene contratta e di solito non viene superata. Tuttavia ci sono delle occasioni in cui coincide con l'aspirazione di più apparecchi che consumano molta energia elettrica contemporaneamente e fa scattare l'automatismo.

La società di distribuzione in ciascuna zona sta cambiando i contatori analogici per quelli digitali, il che implica che l'ICP è integrato nell'apparato elettrico stesso.

 Come funziona l'ICP

ICP a casa

Molte persone si chiedono cosa fare se l'ICP salta continuamente. La cosa più sicura è che salta continuamente quando accendi la luce e non hai contratto la potenza sufficiente per alimentare gli apparecchi che usi frequentemente. In questo caso, la cosa più consigliabile è aumentare la potenza elettrica contratta per evitare continui tagli di alimentazione.

Il distributore di energia elettrica consente un cambio di potenza contrattuale all'anno. È per questo motivo che dobbiamo calcolare molto bene quale potenza è più adatta a noi in modo da risparmiare il più possibile sulla bolletta elettrica e sprecare energia e denaro. Il consumatore devi sapere in ogni momento che ti abbonerai sempre a un potere normalizzato con il marketing. Se vuoi di più o di meno, devi cambiare il piano di assunzione.

Se l'utente desidera aumentare la potenza elettrica contrattata, può contattare qualsiasi marketer del mercato che gli offra una tariffa più conveniente e che si adatti alle sue condizioni. Immaginiamo di voler aumentare la nostra potenza elettrica, ma solo poche cose hanno saltato l'ICP in modo tempestivo. È possibile che dobbiamo solo riordinare il modo in cui utilizziamo i nostri elettrodomestici prima di passare all'assunzione di una potenza superiore. Ed è che non solo risparmieremo sulla bolletta dell'elettricità, ma emetteremo meno anidride carbonica nell'atmosfera e ridurremo il consumo di energia.

Aumentare la potenza elettrica di una casa ha un costo. Resta inteso che il cliente deve pagare al distributore della sua zona tale importo tramite la bolletta elettrica, che corrisponde ai seguenti diritti:

destra Coste
Diritto di estensione 17,37/kW + IVA
Diritto di accesso 19,70/kW + IVA
Diritto di accoppiamento € 9,04 + IVA

 

L'ICP è obbligatorio?

contatore elettrico

Ci sono alcune case che non hanno un ICP in quanto tempo fa non era obbligatorio. Ci sono diverse possibilità che ciò avvenga. Uno di questi è che l'ICP non esiste perché non era obbligatorio ed è una vecchia casa o perché non si desidera che la fornitura venga interrotta in qualsiasi momento. In ogni caso è fondamentale avere questo dispositivo per i seguenti motivi:

  • Protegge la casa impedendo il riscaldamento dell'impianto elettrico eccessivamente a causa dell'uso di troppi apparecchi elettrici contemporaneamente.
  • Preserva l'installazione in caso di guasto elettrico. Non solo ci protegge da un incidente o da un possibile incendio, ma ci aiuta anche a preservare l'intera installazione in caso di problemi o cortocircuiti.

La società di distribuzione può in ogni caso multare se non si dispone di un ICP in casa. Con ciò si costringerà a pagare un sovrapprezzo che si riflette nella bolletta elettrica sotto il concetto di penale per assenza ICP. Potresti non avere questo dispositivo in casa o poiché è una vecchia casa e in quel momento era obbligatorio installare il dispositivo o non vuoi che la luce venga salvata e l'alimentazione interrotta.

Installazione

Quando una casa non ha un interruttore di controllo dell'alimentazione, puoi inviare il tuo distributore per installarlo o farlo da solo. Se il contatore è in affitto, lo è il distributore che si occupa dell'installazione. Se il contatore si trova nella tua proprietà, devi installarlo da solo.

A seconda che decidiamo di installarlo da soli o di far commissionare al distributore, avrà un prezzo diverso. Se vogliamo installarlo, dobbiamo assumere un installatore di bassa tensione o una società di installazione. Il costo dipenderà dalla marca del produttore dell'ICP. Una volta installato il distributore, si occupa di verificare e controllare il dispositivo.

Un'altra opzione che può essere redditizia è noleggiare il dispositivo. Viene eseguito tramite il distributore ed è responsabile dell'installazione e della verifica. Il costo è di circa 0.03 per polo.

Il tempo necessario per superare un'ispezione su un edificio dipende dal tipo di edificio. La cosa più normale è che venga effettuata ogni 10 anni per verificare che tutto stia andando bene. Dipende anche dal fatto che la comunità di quartiere abbia una potenza elettrica installata superiore a 100 kW.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sull'ICP e sulle sue caratteristiche.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.