evoluzione della bicicletta

ruote moderne

la storia e evoluzione della bicicletta È stato intenso nel corso degli anni. Ha subito molte trasformazioni e miglioramenti per diventare ciò che conosciamo oggi. Anche se può sembrare una semplice invenzione, non lo è. Dopo molte versioni della bicicletta, abbiamo sviluppato parti più efficienti fino a quando non abbiamo la bicicletta attuale.

In questo articolo ti racconteremo tutto quello che c'è da sapere sull'evoluzione della bicicletta, quali sono i diversi modelli che sono esistiti e come è cambiata nel corso degli anni.

Origine della bicicletta

evoluzione della bicicletta nel corso della storia

Da tempo immemorabile ad oggi, ci sono prove che l'uomo abbia utilizzato per secoli il concetto di due ruote collegate e un'asta come forma di movimento nella sua mente. È possibile che all'epoca dell'antico Egitto si pensasse a un dispositivo simile a una bicicletta. In effetti, un geroglifico sull'obelisco di Luxor ora in piazza Parigi è dedicato a Ramses II e mostra un uomo a cavallo di due ruote intorno al 1300 aC sulla barra orizzontale.

Un altro Medio Oriente, i Babilonesi, hanno incorporato un dispositivo simile a una bicicletta in uno dei loro ornamenti a bassorilievo. Anche i romani sembrano aver pensato a questo, come si evince dagli affreschi rinvenuti nelle rovine di Pompei. Puoi vedere alcuni grafici simili all'Obelisco di Luxor.

In questa cattedrale rinascimentale nel Buckinghamshire, in Inghilterra, c'è un dipinto di un angioletto che sembra andare in sella a uno strano tipo di bicicletta; era del 1580.

Anche in un dipinto di Leonardo da Vinci circa quattrocento anni fa, è sorprendente vedere un manufatto che assomiglia molto a una bicicletta.

Sebbene il caso descritto possa essere casuale, considerando che gli esseri umani utilizzano le ruote da 5.000 anni, la verità è che fino alla fine del XNUMX° secolo nessuno pensava di allineare due ruote e di sedersi su un'asta che le unisse. Diamo un'occhiata all'origine della bicicletta.

Nel 1645, un francese di nome Jean Théson fotografò un Hulk, che definì "celerifero", che camminava eretto per le strade di Fontainebleau. Si potrebbe dire che fosse già una motocicletta, anche se a malapena somigliava a quella che capiamo oggi. Il suo viaggio è breve perché non è stato ancora creato alcun sistema direzionale che la guidi. Nel 1790, il conte de Sivrac cavalcava un aggeggio a ruote per le strade di Parigi da una collina, al riso degli spettatori e allo scandalo dell'aristocrazia.

Successivamente, i francesi M. Blanchard e M. Masurier costruirono un'automobile la cui descrizione apparve sulla Paris Review nel 1799 con il nome di vélocipèdes o piedi leggeri. Il re Luigi XVI e Maria Antonietta dell'epoca apprezzarono così tanto l'idea che sponsorizzarono l'invenzione e incoraggiarono i suoi promotori.

Blanchard e Masuriel, rispettivamente macchinisti e fisici, utilizzarono le idee di un secolo fa di Jacques Ozanam, un brillante matematico i cui medici suggerirono di costruire un triciclo conosciuto ai suoi tempi come meccanico, la cui ruota posteriore era azionata da una staffa che poteva girare come un mulino .vento. Ad ogni modo, forse quelle pazze pentole del XNUMX° secolo non meritano di essere chiamate biciclette perché avevano più di due ruote.

che ha inventato la bicicletta

origine ed evoluzione della bicicletta

Se ti chiedi quando e chi ha inventato la bicicletta? Sai, le prime biciclette apparvero nel XIX secolo. Nel 1818, il barone Carl von Drais von Sauerbronn inventò un tapis roulant e lo brevettò con il nome di vélocipède. Il popolo divenne popolare con il nome di draisiana.

Per curiosità, il nome completo del barone è Karl Wilhelm Ludwig Friedrich von Drais von Sauerbronn. Questo è tutto, mentre il Draisian ha uno sterzo rotativo, in realtà non è un manubrio. Il grottesco aggeggio di Carl von Drais, ispirato all'invenzione del conte di Sivrac, era azionato dal piede, e poiché la catena di trasmissione non era ancora stata inventata, la sua comparsa per le strade di Parigi a metà dell'ottocento suscitò curiosità e un certo quantità di attenzioni e scandali.

Non tutti osano guidare una bicicletta come questa, ma un lavoratore parigino di nome J. Lallement ha osato guidare coraggiosamente Hulk per le strade di Parigi perché il primo ciclista della storia è stato catturato da coloro che non sono scesi dalla sua nuova auto. Esitò a lanciarle pietre. Inoltre, la polizia lo ha successivamente arrestato in uno scandalo pubblico.

Tuttavia, la vecchia auto di Von Drais era dotata di un sistema di sterzo chiamato laufmascine, o tapis roulant. Due anni dopo, Dennis Johnson era a Londra per la produzione di Playboys. Il suo utente principale è il Regent, che si chiama Playboy Horse o Hobby Horse. Ma ovviamente l'invenzione non è perfetta.

evoluzione della bicicletta

vecchia bici

Come accennato all'inizio, la bicicletta non ha smesso di migliorare o evolversi dalla sua invenzione, fino a raggiungere il modo in cui la conosciamo oggi. Li impariamo in dettaglio:

In 1839, Lo scozzese Kirkpatrick Macmillan ha prodotto la prima bicicletta sterzante. Per la prima volta è stato possibile guidare una bicicletta senza che i piedi del ciclista la spingessero direttamente, ma attraverso i pedali; i manubri esistono dal 1817.

Quella bici è particolare perché ha due ruote in legno e un cerchio in metallo. La ruota principale ha un diametro di trenta pollici e gli altri quaranta pollici. Nel 1861 il fabbro francese Pierre Michaux pensò di aggiungere dei pedali alla ruota anteriore del Draisiano. È riconosciuto come uno dei pionieri del ciclismo, ma ancora una volta, Philip Moritx o Galloux hanno i loro meriti.

L'invenzione di Michaux si chiamava "Michaulina" ed entrò in produzione in serie, rendendola molto popolare in Francia. I pedali sono sulla ruota anteriore, che è in legno, e le cinghie di metallo sono a contatto con il suolo. Questa bici è perfetta. Il primo ad avere una trasmissione a catena fu realizzato da James Slater nel 1864; sei anni dopo, James Staley fornì raggi metallici per le ruote. Nel 1874 Staley inventò la bicicletta da donna.

Evoluzione della bicicletta moderna

evoluzione della bicicletta

Kemp è il padre dell'industria delle biciclette, nel 1885 ha creato la bicicletta Rover, che era veloce, comodo, facile da maneggiare e molto meglio di quello di suo zio James. E' già una bici moderna, con due ruote della stessa misura, trasmissione a catena e ad ingranaggi, pedali, pedivelle, telaio diamantato e forcella diagonale a trasmissione diretta.

Con l'invenzione del pneumatico nel 1888, la bicicletta diventerebbe un potente ramo dell'industria sportiva e fornirebbe un prodotto sicuro, e la sua ascesa portò la bicicletta a essere dichiarata sport olimpico ai primi Giochi Olimpici moderni nel 1896.

Sono state fatte molte ricerche su come migliorare e sviluppare le biciclette. Il metodo più efficace conosciuto è convertire lo sforzo umano in potere. La maggior parte delle modifiche sembrano banali e di solito avvantaggiano un tipo specifico di bici, come gli ammortizzatori per mountain bike o i manubri da corsa.

Poco sforzo è stato fatto per riprogettare le biciclette in modo significativo. Uno di questi sforzi è stata la "Moulton Bicycle", che non solo aveva ruote più piccole (riducendo la resistenza), ma ha anche ridisegnato il funzionamento del telaio.

La bicicletta pieghevole di Harry Bickerton era un tentativo di creare una bicicletta che potesse essere facilmente piegata e trasportata dal manubrio. Ci sono anche biciclette WO 97/29008, una "barca a vela a pedali", e US 5342074, una bicicletta per due persone con un telaio attaccato.

Un'altra nuova idea risale probabilmente al 1901 con il brevetto statunitense 690733 di Harold Jarvis (una bicicletta da ciclismo), che tentò di riprogettare l'intero concept mettendo il ciclista in posizione sdraiata invece di stare seduto in posizione eretta. Questi modelli stanno comparendo sempre di più per le strade.

La bicicletta reclinata è stata inventata da Richard Forrestal, Wilmington e David Gordon Wilson per Fomac Inc a Wilmington, Massachusetts, USA, depositata il 26 dicembre e pubblicata come WO 81/01821 e US 4283070. Il motivo per cui non c'è il manubrio è che il brevetto è di poter avvicinare o allontanare il sedile dai pedali per accogliere persone di diverse altezze.

Il brevetto fornisce molte ragioni per cui questo design è superiore a una bicicletta standard. Principalmente il comfort del pilota, il supporto per la schiena durante i lunghi viaggi e la sicurezza. Il baricentro più basso e la posizione del pilota consentono al pilota di frenare più facilmente in qualsiasi tipo di collisione; hai meno probabilità di essere licenziato; puoi resistere meglio con i piedi, che sosterranno il peso della collisione, non con la testa o il corpo.

Inoltre, poiché i pedali sono più alti e hanno meno probabilità di raschiare il terreno, è più facile fare curve strette e (stranamente) più facile per i ciclisti comunicare con gli automobilisti.

Non sono state dichiarate velocità superiori. Forse lo svantaggio più grande è il suo aspetto goffo e il rischio di viaggiare a testa in giù. Esistono tre tipi di bici reclinate:

  • Bici reclinata a passo lungo
  • Bici Recumbent Base Corta
  • Biciclette reclinate con pedali davanti alla ruota anteriore anziché dietro.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sull'origine e l'evoluzione della bicicletta nel corso degli anni.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.