centrale di marea

centrale di marea

Nel mondo delle energie rinnovabili ce ne sono alcune più conosciute, come l'energia solare e l'energia eolica, e altre meno conosciute, come l'energia delle maree. È un tipo di energia rinnovabile che sfrutta le maree dell'oceano. Per fare ciò, è necessario un centrale di marea è qui che avviene la trasformazione dell'energia cinetica delle maree in energia elettrica.

In questo articolo ti diremo tutto ciò che devi sapere sulla centrale di marea, le sue caratteristiche e la sua funzione.

Energia delle maree

energia delle maree

L'oceano ha un enorme potenziale energetico, che può essere convertito in elettricità attraverso diverse tecnologie. Tra le fonti energetiche marine definite dall'Istituto per la Diversificazione e il Risparmio Energetico (IDAE), troviamo diverse tipologie:

  • Energia delle correnti oceaniche: Consiste nello sfruttare l'energia cinetica delle correnti oceaniche per generare elettricità.
  • Energia delle onde o energia delle onde: È l'uso dell'energia meccanica delle onde.
  • Termica di marea: Si basa sullo sfruttamento della differenza di temperatura tra l'acqua superficiale e il fondale marino. Questo cambiamento termico è utilizzato per l'elettricità.
  • Energia delle maree o energia delle maree: Si basa sull'uso delle maree, del flusso e riflusso dell'acqua di mare, prodotto dall'azione gravitazionale del sole e della luna. Così l'energia potenziale delle maree viene convertita in energia elettrica dal movimento di una turbina, come nelle centrali idroelettriche.

L'energia delle maree è una fonte di energia alternativa basata sullo sfruttamento del flusso e riflusso dell'acqua oceanica, creata dall'attrazione gravitazionale del sole e della luna. In questo modo, è un fenomeno naturale prevedibile che permette di prevedere quando questi movimenti d'acqua potranno essere convertiti in energia elettrica.

centrale di marea

delle maree e delle energie rinnovabili

La centrale di marea è quella in cui si trovano i macchinari adeguati per trasformare l'energia cinetica delle maree in energia elettrica. Esistono diversi modi per ottenere l'energia delle maree. Vedremo ciascuno di essi e i suoi aspetti principali:

Generatori di corrente di marea

Conosciuti anche come TSG (Tidal Stream Generators), questi generatori utilizzano il movimento dell'acqua per convertire l'energia cinetica in elettricità. Questo è il metodo più noto. Questo modo di ottenere energia Presuppone un minor costo e un minor impatto ecologico rispetto agli altri metodi.

dighe di marea

Queste dighe sfruttano l'energia potenziale dell'acqua che esiste tra il dislivello tra l'alta marea e la bassa marea. Sono barriere con turbine, molto simile alle dighe tradizionali, costruite all'ingresso di una baia o di un lago. Il costo è alto e il profitto non è alto. La scarsità di luoghi nel mondo che soddisfano le condizioni per ospitarli e l'impatto ambientale sono due importanti inconvenienti.

Energia dinamica delle maree

La tecnologia è nella fase teorica. Conosciuto anche come DTP (Dynamic Tidal Power), combina i primi due, sfruttando l'interazione tra energia cinetica e potenza nei flussi di marea. Questo metodo consiste in un sistema di grandi dighe che inducono diverse fasi di marea nell'acqua per mobilitare le sue turbine di generazione di energia.

Vantaggi e svantaggi

Sottolineiamo che questa energia alternativa presenta diversi vantaggi:

  • È una fonte di energia pulita che non produce gas serra o altri inquinanti da altri tipi di fonti energetiche.
  • Non viene utilizzato carburante aggiuntivo.
  • Produzione di energia continua e affidabile.
  • Le maree sono inesauribili e facili da prevedere.
  • È una fonte di energia rinnovabile.

Nonostante il grande potenziale, l'uso della forza delle maree presenta anche degli svantaggi, tra cui:

  • Ciò può essere ottenuto attraverso un investimento finanziario sostanziale. È costoso da installare.
  • Ha un grande impatto visivo e paesaggistico sulla costa, essendo uno degli inconvenienti più preoccupanti dell'energia delle maree.
  • L'energia delle maree non è l'opzione migliore per tutte le aree geografiche. Perché la quantità di energia che possiamo ottenere dipende dal grado di movimento dell'oceano e dalla forza delle maree.

energia delle maree È stato utilizzato per generare elettricità dagli anni '1960. Il paese pioniere è la Francia, la cui centrale idroelettrica di Lens è ancora in funzione.

I paesi che attualmente hanno capacità di generazione di energia dalle maree sono: Corea del Sud, seguita da Francia, Canada, Regno Unito e Norvegia. Attualmente, l'energia delle maree rappresenta solo una piccola frazione dell'energia rinnovabile totale mondiale, ma il potenziale è enorme.

Il funzionamento della centrale di marea

centrale di marea e suoi usi

Una centrale di marea è un luogo in cui l'energia prodotta dalle maree oceaniche viene convertita in elettricità. Per usufruirne vengono costruite dighe con turbine nella parte inferiore, di solito alla foce di un fiume o di una baia. L'invaso creato dalla costruzione della diga si riempie e si svuota ad ogni movimento della marea e al passaggio dell'acqua che produce, consentendo l'avvio delle turbine che generano elettricità.

In che modo le centrali termoelettriche convertono l'energia delle maree in elettricità? Per rispondere a questa domanda, è necessario considerare i principi dell'energia potenziale e cinetica degli incrementi e delle decrementi tipici di le maree prodotte dalle interazioni gravitazionali del Sole e della Luna. L'ascesa dell'acqua si chiama flusso e il tempo di discesa è più breve del precedente.

Il dislivello tra il livello del mare e il livello del bacino è fondamentale, motivo per cui, secondo l'Istituto per la Diversificazione e la Conservazione dell'Energia (IDAE), è vantaggioso solo nei punti costieri dove l'altezza dell'alta marea e giù differisce di oltre 5 metri in base all'installazione di queste caratteristiche. Queste condizioni possono essere soddisfatte solo in un numero limitato di luoghi sulla Terra. Nelle fabbriche, l'elettricità viene convertita da turbine o alternatori. Con la rotazione delle sue lame e con la circolazione dell'acqua stessa si produce energia elettrica.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sulla centrale di marea e le sue caratteristiche.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

bool (vero)