Brasile e biocarburanti

Brasile È uno dei paesi più importanti dell'America Latina per le sue dimensioni e la grande economia che è rafforzata dalla sua enorme recursos naturales. Ma è anche uno dei primi nella regione a cercare alternative ai combustibili fossili.

Dal 2005 il Brasile produce biocarburanti e incoraggia questo settore a rifornire la stragrande maggioranza del mercato interno, in particolare per macchine agricole e veicoli pesanti. È il secondo più grande produttore di bioetanolo al mondo con 26 miliardi di litri e 1,1 miliardi di litri di biodiesel nel 2009.

Si stima che nel 2010 produrrà 2400 miliardi di litri di biocarburanti.

Il Brasile intende diventare uno dei più importanti produttori di biocarburanti al mondo. Questo è il motivo per cui si investe molto in questo settore, ma aiuta anche gli agricoltori a partecipare alla catena di produzione con i loro prodotti.

In Brasile, diverse colture vengono utilizzate per produrre biodiesel come soia, canna da zucchero, manioca, jatropha e persino i resti di banane, alghe, tra gli altri.

Il Brasile non vuole mettere il sicurezza alimentare Pertanto concorda con gli agricoltori in modo che non alterino le loro produzioni ma che ciascuno rifornisca un settore.

Lo stato del Brasile sta attuando varie politiche di promozione per aumentare la produzione, lo stoccaggio e il trasporto di biocarburanti che sono sempre più redditizi e possono sostituire i biocarburanti. combustibili fossili, oltre a creare posti di lavoro in questo settore.

A causa dell'impulso statale, un gran numero di aziende straniere sta investendo in biocarburanti in questo paese, attivando così l'economia.

Il Brasile sarà un attore di primo piano nel mercato dei biocarburanti nei prossimi anni grazie a tutte le potenzialità e ricchezze naturali che possiede nel suo territorio e alla capacità di sfruttare vantaggi comparativi ed essere competitivo.

Ottieni un agricoltura sostenibile ed ecologica, il mantenimento della sicurezza alimentare e la produzione di quantità significative di biocarburanti a lungo termine sono alcune delle sfide che il Brasile e il resto dei paesi produttori di combustibili alternativi devono affrontare per mantenere l'equilibrio economico, sociale e ambientale.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   yan suddetto

    Durante il suo processo evolutivo, l'uomo ha dominato la natura, ne ha fatto la sua fonte di cibo ed energia. Più di 20000 anni fa capì che poteva usare il legno e le piante essiccate per cucinare il suo cibo e procurarsi il calore quando fa freddo. Questo processo era naturale poiché non modificava sostanzialmente l'equilibrio energetico, ecologico e ambientale. Durante il tempo della rivoluzione industriale è dove, per l'essere umano, inizia uno dei problemi che potrebbero portare all'estinzione, poiché negli ultimi anni i danni causati alla natura sono diventati più evidenti, basta guardarsi intorno per sapere che qualcosa non va. Lo squilibrio provocato non è più principalmente ambientale, ma coinvolge anche un aspetto sociale, l'eccessivo sfruttamento delle nostre risorse sarà l'apice della nostra distruzione, ora l'essere umano come specie si trova ad affrontare una situazione molto difficile, la fonte di energia che credevamo essere illimitato adesso Mancano solo pochi anni. Le cosiddette energie fossili entrano in un periodo di scarsità, che provocherà, come previsto, una delle crisi economiche più tragiche degli ultimi tempi. Il mondo intero, principalmente i paesi poveri, dovrà affrontare molteplici disastri, i prezzi dei prodotti saliranno alle stelle a un livello inaspettato e il mondo sperimenterà la carestia più devastante. L'attuale sistema economico che governa la maggior parte dei paesi alla fine sarà il generatore di questa crisi, è come un castello di carte che prima o poi cadrà. A causa della globalizzazione che unisce ogni paese al resto del mondo, tutti saranno colpiti in un modo o nell'altro e alcuni con più forza di altri. È fondamentale per un paese o una nazione attuare politiche energetiche a lungo termine che li liberino dalla dipendenza dalle fonti fossili, in particolare dal petrolio. Le fonti energetiche non convenzionali svolgono un ruolo molto importante. Ci sono enormi quantità di energia disponibile sul nostro pianeta, l'energia del sole da sola produce 15 volte l'energia che consumiamo in un giorno. Questa fonte di energia e molte altre come il vento, il mare e le biomasse potrebbero essere la soluzione a questa catastrofe. Ma senza politiche chiare, non ci si può aspettare molto: il Brasile, ad esempio, copre il 50% del suo consumo energetico con energie rinnovabili, principalmente biocarburanti. Il Brasile ha capito subito che un paese può prosperare utilizzando risorse naturali e rinnovabili in modo appropriato. È sorprendente che quasi il 90% del consumo di energia provenga dal petrolio, il 7% dall'energia nucleare e che solo il 3% sia coperto da energie non rinnovabili, perché non sarà così sorprendente per molti imprenditori petroliferi, dal momento che le fonti di energia non convenzionale non produce enormi profitti, così come il petrolio.