Spagna, un cattivo esempio nel settore delle rinnovabili

La Spagna deve ridurre l'inquinamento attraverso i veicoli elettrici Prima di rinnovabile, tutta una serie di circostanze combinate tra il economia, movimenti demografici, cambiamento climatico e tecnologia, hanno avviato una trasformazione generalizzata del sistema energetico globale, in cui le opportunità di business, il lavoro o la redditività economica sono pienamente operative, creando un radicamento aziendale che un decennio fa era impensabile e anche, supportato e socialmente accettato sulla base di una delle etichette più riconosciute ... "Sostenibilità".

Mentre su scala globale miliardi vengono investiti nell'installazione di energie rinnovabili per i suoi benefici più che tangibili, e possiamo vederlo nel grafico seguente del report Ren21"Rinnovabili 2015 - RAPPORTO SULLO STATO GLOBALE" pubblicato lo scorso dicembre.

flusso-inversione-energie-ri

Investimento globale, in  energie rinnovabili e combustibili nei paesi sviluppati e in via di sviluppo tra il 2004 e il 2014 è cresciuto in modo significativo. Lo sappiamo Spagna Si colloca - 2014 - tra i sette paesi leader nella capacità di generazione di energie rinnovabili al mondo, grazie principalmente al settore eolico:

 

Anche se in realtà no hemos "Senza tracce", anno 2012, 2013, 2014, in investimenti nel settore delle rinnovabili. Abbiamo ancora la stessa capacità installata. Può essere visto nel grafico seguente di IRENA(Agenzia internazionale per le energie rinnovabili)

capacità-energia-installata-spagna

Forse finora nessuno dei nostri lettori sarà sorpreso dai dati. Lo sapevamo già siamo buoni produttori di energia rinnovabile e questo, per ragioni diverse; crisi, leggi sull'autoconsumo e forse altri fattori più "nascosti", negli ultimi anni non abbiamo investito di più, a dir poco. Ma… Cosa succede se, non potendo generare più energia rinnovabile, vista la necessità di consumo, tiriamo il carro dei fossili?

Spagna e rinnovabili nel 2015

È da qui che proviene l'ultimo rapporto Rete elettrica spagnola, la società quotata all'IBEX35 ha pubblicato i dati su come abbiamo coperto la nostra domanda di elettricità in Spagna nel 2015. Dove due dati si distinguono fortemente rispetto al 2015: Purtroppo abbiamo consumato meno energie rinnovabili e molto più carbone e gas rispetto al 2014.

Anche se il rapporto ci dice ... "Le energie rinnovabili mantengono un ruolo di primo piano nella generazione elettrica nel suo complesso ma calano di circa cinque punti rispetto all'anno precedente, condizionate dalla variabilità della produzione idroelettrica ed eolica, che quest'anno hanno registrato diminuzioni del 28,2% e del 5,3%. XNUMX % rispettivamente. Va però notato che l'eolico è stata la tecnologia che ha contribuito maggiormente alla produzione totale di energia elettrica della penisola nei mesi di febbraio e maggio "

Cosa succede quando le emissioni di CO2 aumentano

A causa di fattori esterni, il tempo, non siamo stati in grado di produrre di più energia nelle rinnovabili, viene il dilemma che abbiamo dovuto ridurre il consumo di energia fossile, il che causa a aumento delle emissioni di CO2.

Avendo più emissioni di CO2 nel 2015, dovremo pagare di più in diritti di carbonio…. Quanto? Una cifra esatta e con i dati sulla tabella, Non possiamo accreditarlo ma una stima:

  • Secondo Greenpeace Spagna: 2015. Dovremo pagare più di 100 milioni di euro in più in carbon rights per i 14 milioni di tonnellate di CO2 per il massiccio ingresso di carbone (+ 22%) e gas (+ 17%).
  • Secondo il Paese: tra il 2008 e il 2012 ha speso più di 800 milioni per acquistare i diritti di CO2.

Il valore delle emissioni di carbonio può essere consultato annualmente sul quotidiano El Economista e il loro prezzo aumenta ogni anno.

Indipendentemente dal fatto che lo faremo pagare di più o di meno. Il vero problema della questione, nella nostra comprensione, è che i milioni di eccedenze che possiamo pagare per l'aumento delle emissioni di CO2 associata alla produzione di energia elettrica (Anno 2015), saranno sprecati, non hanno ritorno. Tutti questi milioni potrebbero essere investiti nel 2012, 2013 e 2014 per aumentare la generazione di energia rinnovabile.

CO2

Così, Se nel 2015 avevamo già un'avversione per l'approvvigionamento energetico in termini di energie "pulite", prevediamo il 2016 e il 2017 nella stessa ottica. Che sia o meno dovuto ai cambiamenti radicali del clima che stiamo vivendo o al semplice fatto che la società consuma sempre più elettricità.

Anche se quest'anno è favorita una politica energetica coerente, di cui dubito considerando gli spostamenti del PP e dei Cittadini, i possibili risultati di una reale produzione di energia non sarebbero a breve termine. Poiché un nuovo parco o un nuovo impianto solare non è un progetto che va da un giorno all'altro

 


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.