L'Islanda sta perforando il pozzo geotermico più profondo del mondo nel cuore di un vulcano

Islanda

L'Islanda sta scavando il pozzo geotermico più profondo del pianeta nel cuore di un vulcano che ha una profondità di 5 chilometri per sfruttare la sua energia rinnovabile.

Ed è che l'estrema pressione e il calore esistenti a quelle profondità potrebbero derivare da 30 a 50 MW di elettricità da un singolo pozzo geotermico. L'Islanda è il leader mondiale nell'uso dell'energia geotermica e produce circa il 26 per cento della sua elettricità da fonti geotermiche.

La capacità di generazione installata di centrali geotermiche era un totale di 665 MW nel 2013 e la produzione è stata di 5.245 GWh.

Un tipico pozzo geotermico di 2,5 chilometri nei campi islandesi è l'equivalente energetico di circa 5 MW. Gli scienziati si aspettano a incrementare di dieci nella straordinaria energia del pozzo durante la perforazione più profonda nella crosta terrestre. A una profondità di 5 chilometri, una pressione estrema e un calore superiore a 500 gradi Celsius creeranno "fumo supercritico" che aumenterà sostanzialmente l'efficienza della turbina.

È attualmente in corso di perforazione un'unione di Statoil e Iceland Deep Drilling Project (IDDP), il pozzo geotermico più caldo del mondo. sulla penisola di Reykjanes, dove un vulcano ha eruttato l'ultima volta 700 anni fa.

Un tentativo simile sei anni fa finì in un disastro, con l'impianto di perforazione che tocca il magma a una profondità di 2,1 chilometri, distruggendo la stringa di perforazione. Ásgeir margeirsson, CEO del progetto principale HS Orka, ha dichiarato:

Non vi è alcuna garanzia che le cose stanno andando bene, a tali profondità tutto potrebbe trasformarsi in un disastro in pochi secondi. Tutto ciò può avere una fine inaspettata, perché per qualche motivo non può essere perforato più a fondo. Non ci aspettiamo di toccare il magma, ma perforeremo nella roccia calda. E per roccia calda, intendiamo da 400 a 500 gradi Celsius.

Per i prossimi 7 anni i piani IDDP sono perforare e testare una serie di pozzi che penetrerà in zone supercritiche che si ritiene siano presenti sotto tre campi geotermici già sfruttati in Islanda.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.