L'Europa sanziona tre paesi incapaci di porre fine alla pesca illegale

  Di pesca

Europa finisce per eseguire il loro minacce: ha inflitto misure severe a tre Stati che non hanno rispettato gli impegni per porre fine alla pesca illegale: Belize, Cambogia y Guinea. Questi tre paesi non saranno in grado di esportare pesce nell'Unione europea, mentre le navi europee non avranno il diritto di pescare nel loro acque territoriale.

È la prima volta dalla regolamentazione di pesca in acque profonde nel 2008, che l'Europa agisca in questo modo, attuando sanzioni efficaci. Il mercado Comunità è uno dei principali al mondo e le minacce di Bruxelles hanno avuto le loro conseguenze.

Queste decisioni sono storiche e dimostrano che l'Unione europea è un esempio nella lotta contro pesca illegale. I cittadini europei dovrebbero sapere che il pesce che mangiano viene pescato in a sostenibileindipendentemente dalla sua origine.

Belize, Cambogia y Guinea non sono stati sorpresi: la sua sospensione risponde a un lungo processo di avvertenze dalla Commissione. A parte questo, si nota che il dialogo non è interrotto e che il file sanzioni potrebbe essere revocato se questi Stati acconsentono a compiere sforzi per combattere il pesca illegale.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.