La cattura della CO2 è necessaria per ridurre le emissioni di gas serra

Emissioni di CO2

Per raggiungere l'obiettivo principale dell'accordo di Parigi di non aumentare le temperature medie globali oltre i due gradi, è necessario catturare gran parte della CO2 emessa dalle piante che bruciano combustibili fossili per generare energia.

L'obiettivo è stabilizzare il pianeta e dobbiamo contribuire non solo riducendo le emissioni, ma anche catturandole e togliendole dal ciclo del carbonio. Come intendi catturare la CO2?

Cattura CO2 e Edward Rubin

Edward rubin

Edward rubin È uno dei massimi esperti nella cattura della CO2. Durante la sua carriera si è largamente dedicato alla ricerca sulla cattura, il trasporto e lo stoccaggio della CO2 emessa dalle centrali termiche della Carnegie Mellon University (USA). Grazie alla sua vasta conoscenza, ha guidato questo campo di ricerca in tutti i rapporti emessi dall'IPCC.

Rubin ritiene che la stragrande maggioranza dei modelli climatici che simulano le condizioni future del nostro pianeta non concepiscano una rapida riduzione delle emissioni, come quella che i paesi si sono proposti di fare attraverso l'accordo di Parigi, senza la cattura e lo stoccaggio geologico della CO2.

È impossibile ridurre le emissioni così rapidamente con il progredire della transizione energetica verso le energie rinnovabili. Pertanto, è necessario catturare la CO2 emessa.

Una soluzione alle emissioni di gas

Cattura di CO2

Poiché non è così facile smettere di usare carbone e petrolio e le energie rinnovabili più popolari come l'eolico e il solare si stanno sviluppando rapidamente ma in modo insufficiente, è impossibile raggiungere una diminuzione dell'2% della CO80 entro la metà del secolo senza che la CO2 venga catturata dall'atmosfera.

"Viviamo in un mondo dipendente dai combustibili fossili, dove è molto difficile sganciare la società da essi nonostante la gravità del cambiamento climatico", afferma Rubin.

La conoscenza scientifica della CO2 e del suo ciclo di vita è sufficientemente avanzata da sviluppare e implementare tecniche per aiutare a catturare, trasportare e immagazzinare CO2. Solo in questo modo è possibile ridurre la grande quantità di CO2 attualmente presente nell'atmosfera. È necessario, affinché questi piani siano attuati, che gli investimenti sulla cattura della CO2 siano regolamentati attraverso regolamenti.

"Un decennio fa alcuni investimenti sono stati fatti in anticipo, poiché le aziende pensavano che avrebbero richiesto sforzi rilevanti per evitare di inquinare, ma non appena si sono esaurite le prospettive di una forte azione politica in materia, hanno smesso di investire".

Tra gli investimenti effettuati, alcuni sono stati eseguiti in Spagna. La Commissione Europea ha assegnato 180 milioni di euro ad un progetto di cattura e stoccaggio della CO2 a Compostilla, lo stabilimento di Endesa situato a Cubillos de Sil (León), interrotto nel 2013, in parte a causa del calo dei prezzi dei diritti di emissione nell'UE.

Necessità di legislazione

Rubin afferma che è necessario che siano messe in atto normative che contribuiscano all'orientamento dei mercati e degli investimenti per lavorare con la cattura della CO2. Ad esempio, quando è uscita la normativa che regolava la circolazione dei veicoli che emettevano più gas, Sono stati installati catalizzatori per ridurre la CO2 emessa.

Poiché c'è un'attività dietro la generazione di elettricità, è difficile scommettere su un'offerta che soddisfi questa crescente domanda con energia rinnovabile. Né vedrete una riduzione delle emissioni senza che vi sia un regolamento alla base.

La cattura della CO2 differisce dalle energie rinnovabili in quanto non solo è in grado di generare elettricità, ma anche di consumarla. Pertanto, l'unico motivo per catturare CO2 è quello di penalizzare Legge sulle emissioni di CO2 che non hanno una cattura accompagnata. 

Rubin afferma che se così fosse, non ci sarebbe alcuna barriera scientifica o tecnologica che impedirebbe la cattura di CO2 in tutto il mondo.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Raul suddetto

    Grande dilemma, mentre una parte del mondo prende coscienza del cambiamento climatico, gli Stati Uniti, con Donald Trump in prima linea, si allontanano dagli accordi internazionali sul controllo delle emissioni, i paesi sottosviluppati e in via di sviluppo non dispongono delle tecnologie necessarie per controllare emissioni più efficaci , i paesi sviluppati acquistano le quote di emissione dei paesi poveri, perché soprattutto sono imposte per sopravvivere, quindi cosa fare? dove andremo in questa folle corsa?